Lo so cosa state pensando: che cosa diavolo c’entra un disco pop/rock con un sito come heavy-metal.it? In realtà questo lavoro ha un’anima rock da far saltare sopra la sedia chiunque, quindi sulle pagine di questo sito calza decisamente a pennello.
Ma veniamo alle presentazioni: Ed Kowalczyk (nome piuttosto impronunciabile, in effetti) è il frontman dei Live, formazione rock che ha venduto qualcosa come una ventina di milioni di dischi nel mondo dal 1991 ad oggi. Ora i Live si sono sciolti a causa di divergenze legali ed il buon ed ha trovato il tempo per dedicarsi ai suoi progetti solisti, partorendo il presente “Alive”, il cui titolo vuole probabilmente sia tributare la sua band madre che la sua marcata spirtualità (i testi del disco sono tutti di matrice cristiana). Ecco, questi sono gli elementi fondamentali su cui si basa il concept che ruota attorno al presente lavoro, quindi se siete dei satanisti convinti e non ascoltate altro che black metal rigorosamente in lingua norvegese, allora scappate pure via che questo non fa decisamente per voi.
Per tutti gli altri, invece, quello che ho tra le mani è un gioiellino di brani che spaziano tra l’hard rock e le ballate acustiche, il tutto con una spolverata di grunge (quello dei Pearl Jam) e condito con la personalissima voce di Ed, il quale dona un’interpretazione grintosa al tutto, ma anche un tono malinconico e speranzoso al contempo. Personalmente non ci sono pezzi inferiori ad altri ed anche le ballate sono tutte di gran classe, seppur non mi ritenga uno che le ama particolarmente.
In conclusione, quindi, va detto che “Alive” è un grande disco e ci consegna un Ed Kowalczyk sicuro dei propri mezzi anche in fase solista e che riesce a far confluire proprio all’interno di quest’opera gran parte dei suoi stati d’animo, tutti irrimediabilmente legati alla speranza. Le melodie, i cori, gli accordi e le ritmiche di “Alive” sono pronte per essere ascoltate e non fatevi ingannare dalla facile presa che avranno su di voi perché questo è tutto fuorché un album usa-e-getta…

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati