Non credo che in Italia ci siano molte persone fortemente interessate alla musica dei Letzte Instanz. Di fronte all’ennesimo lavoro della band sono rimasto ancora una volta tiepido e con forti dubbi su quello che può ottenere un disco come “Schuldig” fuori dalla Germania. Le tracce sono infatti, per chi non conoscesse il gruppo, una via di mezzo tra i Subway To Sally e i Rammstein, per cui immaginatevi un misto ruffiano di folk e gothic con chitarroni e sprazzi danzerecci, il tutto cantato ovviamente in tedesco. Il risultato è sufficiente, ma tutt’altro che appassionante. I Letzte Instanz non riescono a colpire (copiano troppo, e non sempre bene) ed ogni ascolto dell’album scivola via senza lasciare il segno, a volte annoiando.

Forse in Germania ancora in tanti non ne hanno abbastanza di queste sonorità, tuttavia un disco così mi pare troppo grossolano e troppo “crucco” per interessare molti qua da noi. Insomma, se devo sentire sonorità “pacchiane” di questo tipo, nonostante “Schuldig” sia sufficiente, mi rivolgo a chi sa trattarle decisamente meglio.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati