Il gruppo dei Firestorm si forma nel 2000 e dopo alcuni cambi di formazione dopo soli due anni decide di registrare un demo di popri pezzi. Nonostante il brevissimo tempo dalla formazione del gruppo i sei anconetani dimostrano di essere tutti molto preparati tecnicamente e compositivamente; d’altronde il gruppo è nato originariamente come cover band degli Iron Maiden. Fortunatamente i brani proposti in questa prima demo di presentazione si discostano notevolmente dalla musica del gruppo inglese; fortunatamente perchè i nostri suonano un heavy/power dalle variegate tinte sinfoniche e progressive. Le chitarre risultano molto incisive e presenti con degli ottimi riff che faranno la gioia di chi vuole fare del sano headbanging, particolarmente nella thrasheggiante “Tempus Fugit” in cui le tastiere sono quasi completamente assenti. Peccato per la registrazione della batteria e della voce che non sono proprio ottimali. Questo brano però cambia completamente la sruttura verso la metà diventando un’altra canzone, più melodica e sognante, per poi cambiare nuovamente verso lidi vagamente più progressive nel finale.Decisamente ben riusciti i vari passaggi a differenza dello stacco troppo netto tra l’intro “Last Minute” e la seconda traccia “Falling Into Dark Apathy”. Quest’ultima è una canonica power prog song; canonica suona un pò stonato però il brano presenta un susseguirsi di cambi di tempo che la rendono per l’appunto un pò troppo scontata. Decisamente efficace l’intermezzo strumentale della title track anche se critico assolutamente l’uso di quell’orribile drum machine. Avendo il bravo Lucio Bacchiocchi alla batteria se ne poteva, anzi se ne doveva, fare a meno. La conclusiva “Shadows In My Mind” si fa apprezzare per quel suo incedere da ballad hard rock. Il gruppo è molto giovane e ha parecchie idee per la testa da poter sviluppare in maniera egregia in futuro e la mia impressione è che hanno dei buoni margini di miglioramento ulteriori. Sono sicuro che un prossimo lavoro sarà ancora migliore. E già questo è veramente buono.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati