Secondo demo per questi Captura che, dopo averne pubblicato uno a tiratura limitatissima e dopo aver partecipato alla compilation “Attraversamenti”, ci mostrano un gruppo artisticamente maturo e con tutte le carte in regola per far parlare di se. Prima di tutto vorrei fare i miei complimenti ai ragazzi della Kick Agency che si occupano della promozione (italiana ed estera) e che, da quello che ho potuto leggere nella loro home page, hanno professionalità da vendere e si interessano davvero alla questione “musica” (cosa assai rara). Tornando a noi, dire che Cenobio Isterico è un disco perfetto non riuscirebbe a rendervi l’idea, quindi dovete ascoltarlo assolutamente. Circa 25 minuti di thrash metal dalle svariate influenze (si passa dal thrash della bay area a gruppi quali Pantera, Testament, Machine Head, Death ed Insidia). Tutto questo non per dire semplicemente che i Captura scopiazzano qua e là, ma per farvi capire le loro influenze musicali. Si parte dalla grandiosa “Vortice”, che in 5 minuti riesce a dimostrarsi molto varia soprattutto per il guitar riffing, ora lento ora assai veloce, per i vari cambi di tempo, per l’ottimo lavoro della sezione lirica e per le doti vocali di Ale. Inizio da urlo per la seguente “Cenobio Isterico”, riffing lento e psicotico e cantato altamente suggestivosino a metà song, infatti dopo i primi 2 minuti la storia cambia e si torna su territori Thrashy con tanto di ritornello accattivante. Il riffing ispirato agli insuperabili Death, lento ed ossessivo prima, veloce e spacca ossa poi, con tanto di stop’n’go, di guitar-solo in memoria del grande Chuck e l’ottimo lavoro di batteria, basso e la voce istrionica di Ale, rendono “Sguardi” la migliore canzone del demo ed allo stesso tempo la meno digeribile. Ancora un inizio da urlo per la seguente “M.Y.A”, batteria ultra furiosa, qualche riff che sconfina in territori crossover per poi tornare sulla solita cascata di riff (devo dire che il guitar-work è davvero di altissimi livelli) a cui i nostri ci hanno abituati, spaccando e tritando senza tregua le nostre povere ossa, ed omaggiando i grandiosi Slayer nel guitar solo. Cos’altro manca? Una produzione eccellente quasi impossibile da trovare in un demo, penserete voi. Beh qui anche la produzione è ottima (il disco è stato registrato ai Mirage Recording Studio di Invergo, Como). Allora? Cosa aspettate? Contattateli!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati