La scena brutal death Italiana gode di ottima salute in quest’ ultimo periodo. Ne abbiamo parlato con Diego Fanelli, cantante degli Stench Of Dismemberment, formazione barese di cui si dice un gran bene, complice anche il loro mcd di
debutto “Cannibalistic Urge, che sta mietendo ottimi consensi un pò dappertutto.

Per prima cosa, complimenti per il vostro album, ben suonato, articolato e fottutamente malato. Ben superiore a certi dischi musicalmente scadenti e con la copertina scaricata dal primo sito splatter che capita a tiro.
Ciao Alex. Grazie per lo spazio che ci concedi e grazie soprattutto per i complimenti sul nostro mcd “Cannibalistic Urge”! Fanno sempre piacere, noi cerchiamo solo di fare il nostro meglio! La copertina l’ha disegnata un nostro amico di Bari, Donatello Mazzone, ed anche per noi ha fatto un buon lavoro!

Ti risparmio la solita richiesta di introduzione della tua band, chiedendoti almeno il perché dello scioglimento dei Penis Leech.
Sai Alex, le solite cose che capitano in ogni band: differenze di gusti musicali, diverso livello di impegno dei componenti, a volte capita…è stato un peccato, ma era inevitabile! E poi senza rimpianti perché dalle ceneri dei Penis Leech sono nati gli SOD. Tre membri di quel gruppo hanno iniziato il nuovo progetto, io (voice), Vito (bass) e Antonio (drums).

Possiamo considerare gli Stench of Dismemberment, come la naturale prosecuzione della band precedente?
Non so se considerare gli SOD la naturale prosecuzione dei PL, poiché il sound è cambiato parecchio. Forse sarebbe più giusto considerarci un’evoluzione più estrema.

Com’è nata la collaborazione con la Permeated Records ?
Allora, la collaborazione è nata per caso! Loro avevano sotto contratto la mia band preferita, gli Enmity, così parlando con loro ed avendo pronto il mcd, glielo proposi…subito si sono dimostrati interessati e ci hanno fatto una buona offerta…è stato facile per noi accettarla, perché i
ragazzi della Permeated sono davvero delle persone serie e appassionate del genere, e poi anche perché volevamo reciprocamente supportare la scena italiana!

Personalmente la considero come una delle più promettenti labels nel settore del metal estremo, lo testimoniano la presenza di validi gruppi quali il vostro, i Revenance e gli Enmity.
Che dire? Sono assolutamente d’accordo con te!

Che cosa significa per te, suonare brutal death? Pensi che sia una scena che ha ancora molto da dire ?
Suonare death metal per me significa dare sfogo alle tue emozioni, sprigionare una forza incredibile, è una passione che senti scorrere nel sangue e che ti ripaga immensamente come l’ossigeno! Onestamente non so se la scena ha molto da dire ecc.. l’importante è che escano sempre tanti gruppi nuovi e fra questi c’è sempre qualcuno con idee fresche.

Quest’ estate avete avuto modo di partecipare al Grind Your Mother Fest. Che tipo di esperienza è stata per voi ?
L’esperienza al GYM è stata bellissima, abbiamo suonato con tanti gruppi validi, italiani ed esteri, e conosciuto tante persone. Anzi, colgo l’occasione per salutare e ringraziare le persone che ci hanno invitato e tutti gli amici che erano lì per noi indossando le nostre maglie. Horns up bros!!!

Come consideri l’ attuale scena estrema italiana ?
Bah non saprei, ci sono tantissimi gruppi, alcuni molto validi, ma io per scena intendo tipo quella americana; quindi credo che noi siamo ancora un po’distanti. Nel senso che ci vorrebbe più collaborazione e meno gelosie fra tutti i gruppi ecc.. tuttavia anche qui ci sono persone serie e valide.

E la scena metal pugliese in generale? Io la considero in ottima salute, specialmente dopo aver assistito al Total Metal Festival dove tutti ( e sottolineo tutti ) i gruppi locali son stati protagonisti di ottime prestazioni.
Si sono d’accordo con te! Ci sono diversi gruppi in Puglia che suonano metal, da quello più estremo a quello più classico, a diversi livelli! Non so il motivo sinceramente, ma ben venga…forse sarà qualcosa nell’aria o l’alimentazione eh eh.

Che progetti avete al momento? Ci sarà la possibilità di poter vedere gli Stench dal vivo?
Al momento stiamo scrivendo i pezzi per il full lenght, che dovremmo registrare l’anno prossimo e stiamo parlando con organizzatori in Italia e all’estero per suonare dal vivo. Inoltre stiamo anche cercando un batterista nella nostra zona che sostituisca Antonio, che nel frattempo per
impegni di lavoro e familiari, ha dovuto lasciare la band.

Non mi resta che ringraziarvi ed augurarvi un futuro roseo, anzi rosso sangue.
Ok Alex, grazie a te per questa intervista! Date un ascolto al nostro mcd e fateci sapere su www.myspace.com/stenchofdismemberment o sul nostro sito www.stenchofdismemberment.it ! Ci vediamo in giro! Keep it sick!!!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati