Gli Orient Express sono una giovane band che debutta con “Illusion”. Come mostra chiaramente la copertina l’intenzione di questi ragazzi è quella di miscelare psichedelia ed atmosfere settantiane con atmosfere un po’ cupe e vagamente gotiche, il risultato non è tuttavia a mio avviso ancora del tutto maturo. Innanzitutto la componente settantiano/psichedelica è decisamente preponderante rispetto al lato darkeggiante, inoltre al limite a modernizzare la proposta più che la cupezza c’è un certo feeling rock… insomma, le dieci tracce che compongono “Illusion” puntano tutto sulle atmosfere ricreate, incentrandosi soprattutto sulla liquidità e sulla languidezza del sound. Purtroppo non tutto funziona come dovrebbe e alla fine l’ascolto mi è risultato un po’ ottundente e ho faticato più di una volta ad arrivare alla fine del cd, non aiutato dalla omogeneità delle canzoni che tendono un po’ a confondersi l’una con l’altra (motivo per cui non ne ho citata nessuna in particolare).

“Illusion” è comunque un cd che si merita tranquillamente la sufficienza e gli Orient Express dimostrano anche di avere delle idee interessanti, tuttavia ho l’impressione che ci sia bisogno di focalizzare meglio la proposta musicale per avvincere veramente gli ascoltatori.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati