Attivi dal 2000, con un demo alle spalle (intitolato “The Light Inside” e targato 2001), i Moonrise pubblicano questo “After The Sunset”. La proposta dei Moonrise è un death metal basato su ritmiche compatte e molta melodia, soprattutto per quanto riguarda il guitarwork. I brani che compongono questo brano sono quattro e ci presentano un gruppo affiatato e con tanta voglia di suonare… certo i brani presentano molte perplessità a livello stilistico/compositivo ma, nonostante questo, il gruppo è promettente. Da cosa lo si evince? Beh si sente che la preparazione tecnica del gruppo non è esaltante ma è evidente che ce la mettono davvero tutta. La produzione poi è semi-professionale, suoni mai impastati o ovattati, gli strumenti sono ben bilanciati puntando tutto sulla sezione ritmica che è il vero punto di forza del gruppo. Dicevamo, la sezione ritmica è davvero ben strutturata e va a supportare pienamente il guitarwork che spesso si lancia in improvvise accellerazioni nonchè in improvvisi inserti melodici e rallentamenti. Insomma, diciamo che il lavoro è abbastanza vario anche se, l’influenza del death metal svedese va spesso a smorzare i brani,rendendoli un pò troppo monolitici. Non per questo il demo è da bocciare,anzi. In soli 4 brani riescono a dimostrare bravura, perizia e, come dicevo prima, passione (che è la cosa fondamentale). L’iniziale “The memories day” e la seguente “Angel Above the grave” ci mostrano una band che sa giocare con la melodia e con la brutalità alternando, ad accellerazioni tipiche del death metal americano, vari rallentamenti e brevi aperture melodiche dettate soprattutto dalle due chitarre (insomma un ibrido fra deeath metal svedese e californiano). “Nihil” rappresenta il brano migliore del disco, veloce e di impatto, ricco di cambi di tempo e con un cantato che, seppur non brillante in quanto ad espressività, si incastra perfettamente con il tutto. A chiudere troviamo “Voices From The Abyss” che, seppur non brillante come la precedente, chiude degnamente un demo non eccelso ma molto promettente. Continuate così!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati