Pubblicato nel 2006
www.zerohourweb.com

Ritorno sulle scene del gruppo prog metal americano Zero Hour con il quarto album “Specs Of Pictures Burnt Beyond”.
Al posto del dimissionario Fred Marshall troviamo l’ex Power Of Omens Chris Salinas che è riuscito ad inserirsi egregiamente nella musica claustrofobia del combo.
I brani sono infarciti di tecnica, ma con un sapiente mix di aggressività e melodia; la voce di Salinas, acuta e stridula, si contrappone al continuo martellamento sonoro di batteria e chitarre.
I fratelli Tipton non si discostano molto dai precedenti lavori, anche se per questo l’influenza del teatro del sogno è un pelino più marcata che in passato, perdendo quindi in originalità, anche se non in efficacia.
La musica è pertanto un po’ meno aggressiva, guadagnando però nell’aspetto più strettamente Prog, in alcuni frangenti tendente al power, ma solo come accenno.

Lo sfoggio di tecnica va’ per la maggiore ed è questo il motivo principale per ascoltare i Zero Hour (d’altronde il chitarrista dovrebbe star pubblicando un video didattico a quanto pare).
Nonostante tutto il lotto di brani schiacciasassi, non poteva mancare una canzone scontata e decisamente banale, e per certi versi brutta, come la ballad “I Am Here”, dove l’unico punto di forza risiede nella splendida voce di Salinas.
Ed è proprio il nuovo entrato a dare nuova linfa vitale al gruppo, donando quel particolare in più che forse mancava ai Zero Hour, non facendo pertanto rimpiangere minimamente l’abbandono del precedente cantante.

Quello che però su cui il gruppo dovrebbe puntare è di non scrivere album troppo simili tra di loro; cambiare così minimamente la struttura della loro musica rischia di farli diventare, se già non lo sono, troppo prevedibili. Osare di più non guasta, chissà che ciò non aiuti il gruppo a farsi conoscere di più. In definitiva la nuova fatica discografica di questo ormai consolidato gruppo americano è un buon album preso singolarmente all’interno della loro discografia, ma che rimane sugli stessi parametri dei precedenti album, eccezion fatta per l’ottimo nuovo arrivato.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati