Niente male questi italici Deathster, che ci donano 25 minuti e poco più di violenza e brutalità veramente notevoli.
A dire il vero non si parte al massimo, poichè la prima song forse è la meno azzeccata dell’album. Si parte con toni dimessi e lenti, prima di una accellerazione spasmodica ma spesso eccessiva, che produce confusione piuttosto che buona musica. Brano buono soprattuto per mostrare che i ragazzi ci sanno fare con gli strumenti.
Il tiro si aggiusta però già dalla seguente “Suffer Putrefaction Dominion”, in cui la voce, gutturale all’inverosimile, si ritaglia un ruolo importante, mentre tutto intorno scatta la violenza. Mitragliate di batteria e riff voraci e durissimi, fino all’assolo centrale, in cui stop and go prendono il sopravvento per chiederci cortesemente di sventolare i nostri capelli in aria al ritmo. E che sia il delirio.
Il resto dell’album prosegue pressochè su queste linee guida, con i Death grande ispirazione dei nostri, che certo non risparmiano energia e riescono a proporre buona musica, anche se quà e là si fanno ancora prendere la mano cadendo nel tranello dell'”accellero all’inverosimile” salvo poi proseguire con gli strumenti su un ritmo e la voce su un’altro.
“Burning my Flesh ” è un ottimo brano death metal, classico ma ben fatto, con riff rapidi e decisi e drumming vertiginoso. Il brano forse meglio riuscito è “Nogoth”, che propone anche un ritornello orecchiabile (!) su un ritmo indiavolato e con un bellissimo assolo di chitarra pulita a gingillarsi sul drumming senza soste a doppiacassa imperante, fino al rallentamento finale, prima della definitiva devastazione con chitarre protagoniste. Lo rimarco questo fatto perchè forse la pecca maggiore, oltre ad una scarsa originalità musicale, è proprio il lasciare le guitars e il basso un po’ in disparte per privilegiare il drumming: ok, in questo genere è quello lo strumento re della situazione, ma gli altri strumenti spesso e volentieri sono molto sommessi mentre una loro valorizzazione potrebbe rendere ancora migliore un Ep comunque di buon livello.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati