I V8 Wankers arrivano dalla Germania, e sono cinque punk-rockers con la fissa delle muscle-car americane che nel 2000 hanno deciso di formare un gruppo: due anni più tardi, nel 2002, ecco uscire il debutto discografico, questo “Blown Action Rock” che soltanto ora giunge sulla mia scrivania.
Farsi un’idea del contenuto del disco è alquanto semplice: sedetevi comodi (ma neanche troppo) mentre scorre la breve intro, e poi ascoltate a volume adeguato l’opener “Bad Ass/SS”. Fatto? Bene. Se non siete proprio di umore nerissimo, probabilmente il pezzo riuscirà a farvi muovere il piedino o, nei casi più fortunati, a farvi pensare “beh, però…tosti…”.
Perfetto. Adesso immaginate di riascoltarla per due, tre, diciassette volte di seguito.
Se vi è… passata la voglia, fate benissimo, perchè già a metà del disco avrete l’impressione di ascoltare sempre la stessa canzone e vi ritroverete a controllare, giusto per sicurezza, il numero della traccia sul vostro lettore.
Arrivare alla fine dei 50 minuti di “Blown Action Rock”, onestamente, è possibile solo se il disco viene utilizzato come sottofondo mentre state facendo dell’altro; l’unica alternativa è ascoltare uno o due pezzi (pescando pure a caso) una volta ogni tanto, per poi togliere il cd e passare a qualcosa di diverso.
Con questo voglio dire che le canzoni, prese singolarmente, sono anche divertenti, un rock’n’roll pestato e dallo spirito molto punk, con un occhio fisso ai Motörhead più caciaroni e frenetici, ai Rose Tattoo più sporchi ed anche, volendo, alle varie band punk-r’n’r della nuova scena nordeuropea.
Anche la produzione è buona, i suoni sono caldi e definiti quanto basta per risultare d’impatto senza stancare l’ascoltatore.
Purtroppo, però, a questo pensa la disarmante mancanza di idee e di varietà del disco: per potere sentire qualcosa che non sembri il pezzo precedente con sopra un testo diverso è necessario attendere 45 interminabili minuti, fino alla cover di “No Class” ed ai 40 (unici) secondi di chitarra acustica all’inizio di “Street Racing Man”.

Insomma, pur riconoscendo ai V8 Wankers una energia ed una convinzione che di certo ispirano simpatia, “Blown Action Rock” rimane un disco monotono e del tutto trascurabile, privo di spunti che ne possano giustificare l’acquisto.
Consigliato solo ai fanatici del genere, e solo se reperibile a poco prezzo.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati