Sono passati tre anni da quando gli Stigma pubblicarono il loro ultimo demo e finalmente la band piemontese riesce a raggiungere, con “When midnight strikes!” il traguardo del primo full lenght.

Quello che ci troviamo davanti è un prodotto ottimamente realizzato e confezionato. La cover affascinante ci trascina all’interno del mondo horrorifico creato dagli Stigma lasciando intendere, sin dalle sue prime battute, di avere tra le mani un cd di alto livello. E, infatti, i brani proposti dai nostri sono tutti eccezionalmente interessanti e capaci di tenere incollato l’ascoltatore e di esaltarlo grazie ad una carica e ad una violenza che si sprigiona senza un attimo di sosta o di tregua per tutta la durata del disco. La band muove le sue coordinate musicali attraverso un death metal tecnico e veloce dove molto spesso la melodia va ad incrociarsi con parti più devastanti ed estreme. La prova degli Stigma è davvero molto buona, i due chitarristi Morgan e Andrea macinano riff su riff in una continua battaglia senza sosta che li vede protagonisti indiscussi dell’intero album. A fare anche la parte ed leone arriva la sezione ritmica, notevole ed incredibilmente dinamica, capace di variare tempo più e più volte durante lo scorrere della canzone e anche il cantato di Vlad è quanto di più aggressivo abbia mai sentito da molto tempo a questa parte. Ottimo anche il songwriting, mai noioso o ripetitivo, produce soluzioni stilistiche e musicali che piacciono riuscendo a stupire in più di un’occasione. Tra i migliori brani troviamo senza dubbio l’opener “I’m Dracula” e la successiva “Silver bullets and burning crosses” quest’ultima ad esaltare l’ascoltatore con il suo riff portante a metà strada tra power e death melodico in pieno stile svedese e ancora un’ottima “Beneath the crown of eternal light” con un Vlad capace di ruggire come pochi screamers sanno fare dietro al microfono .

In definitiva davvero un ottimo esordio per una band che potrà diventare, in futuro, un ottimo punto di riferimento per la scena estrema italiana. Complimenti vivissimi.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati