Non sono solito apprezzare gruppi crossover. Ma quest’album devo dire che mi ha colpito positivamente.
Non è il solito Nu Metal tanto in voga oggi su MTv. E’ potenza pura, materiale per pogare.
Sinceramente non riesco a definire bene il genere, nonostante abbia scritto crossover nell’indicazione genere. Non so se questo sia un bene o un male.
Il cantante sembra che da un momento all’altro stia per perdere la voce da quanto urla. Sovente si sente l’influenza del Zack De La Rocha.
Dei bei riffoni pesanti molte volte ricordano i Rage Against The Machine, rare volte i Pantera.
Altri passaggi sembrano quasi thrash. Forse c’entrano poco ma per tutto l’album mi sono venuti in mente i Dark Tranquillity in vari passaggi.
A differenza dei gruppi Nu Metal questi Spine suonano molto veloci e potenti.
Io sono un patito di power e thrash e l’ascolto di quest’album è stato decisamente indolore.
La sezione ritmica è a dir poco spettacolare. Veloci e precisi come pochi.
Le canzoni alternano momenti molto veloci a momenti più lenti ma sempre con riff molto pesanti.
Insomma non ci sono ballad o lentoni in quest’album. Nonostante questo l’album scorre velocemente… data anche la breve durata. Mi è entrato in testa e ormai l’ascolto in loop.

Consigliato a chi cerca un album con chitarre e batteria serrate e un cantato urlato, rare volte rappato come nei RATM.
Chi apprezza i gruppi citati troverà quest’album molto interessante. Album comunque valido per tutti.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati