Sono state una delle compagini di punta dell’ottima scena ellenica fino a un lustro fa, periodo in cui i Septic Flesh hanno repentinamente (e inaspettatamente) deciso di sciogliersi. Il loro cammino artistico aveva affascinato e attratto numerosi estimatori in tutto il mondo e un album immenso come l’ultimo ‘Sumerian Daemons’ ne aveva addirittura sancito il successo internazionale. Ora, per nostra gioia e fortuna, li rivediamo tornare in pista con il sussidio di un’etichetta importante (l’intraprendente Season Of Mist) e la stessa voglia di sperimentare e stupire di sempre.

I Septicflesh (ora si chiamano così) sfruttano nel migliore dei modi le potenzialità di un budget finalmente all’altezza e capitalizzano al meglio una produzione sonora mai così cristallina e potente, affinando l’estro per le melodie ricercate e le stravaganze quasi avantgarde. Azzardando uno straccio di possibile catalogazione, i greci si muovono ancora sui territori di un death atmosferico / orchestrale che non trova eguali all’interno della scena contemporanea, riuscendo a mescolare elementi gothic, doom e black. Assecondare le peripezie sonore della band diventa quindi tanto ostico quanto illuminante a livello emozionale, complici intuizioni assolutamente geniali come quelle ravvisabili sul refrain di ‘Annubis’ o sul break centrale di ‘Narcissus’. Un po’ tutto ‘Communion’, però, tiene fede alla fama dei Septicflesh nonostante l’exploit di ‘Sumerian Daemons’ rimanga pressochè insuperato. Episodi come ‘Sangreal’ o la stessa titletrack, comunque, non possono assolutamente passare inosservati sebbene mantengano comunque una complessità ideologica e musicale non indifferente. Il resto lo fanno la passione mai sopita dei quattro musicisti ellenici per un songwriting camaleontico e l’accento posto su tutti quegli elementi che rendono uesto CD sempre imprevedibile e fascinoso.

Doppia gioia dunque per i fan della band, in brodo di giuggiole sia per il ritorno sulle scene dei fratelli Antoniou che per l’elevato spessore di questo inaspettato ‘Communion’.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati