Roine Stolt, ancora lui.
L’infaticabile e poliedrico musicista svedese torna a farci visita con il suo nuovo album solista, tale “Wall Street Voodoo”. Quello che sorprende di questo chitarrista, già con The Flower Kings, Transatlantic e Kaipa tra gli altri, è la sua assoluta fecondità compositiva, sempre ancorata a livelli qualitativi di ottima levatura. Anche questa volta, dunque, il buon Roine non si lascia sfuggire l’occasione per far parlare di se, andando a produrre un monumentale e quanto mai corposo doppio cd: sebbene le coordinate stilistiche non siano quelle a lui più congeniali (si parla di progressive, ovviamente), non si può non notare come l’amore per la musica tout court animi l’artista svedese ed il suo particolare modo di comporre.
Un compromesso, questo, che delinea le coordinate musicali di questo “Wall Street Voodoo” attorno ad un rock di estrazione blues che pesca a piene mani direttamente dagli anni ’60 e (soprattutto) ’70. Un lungo viaggio fatto, anche, di reminescenze funky (“Everybody’s Trying To Sell You Something”) e di non poche aperture melodiche, come nella sfavillante “Head Above Water”, in cui compare l’onnipresente Neal Morse, ed in “Unforgiven”, estremamente piacevole e zuccherosa.
L’ideale, se vogliamo, percorso artistico di Stolt viene inscenato attraverso i vari momenti di questo lunghissimo lavoro che, ad onor del vero, a volte pecca di eccessiva prolissità e di qualche lieve e sparuto calo di tensione. Non è tutto oro colato, dunque, questo “Wall Street Voodoo”, sebbene in molte occasioni si possa apprezzare la freschezza e la verve di un musicista estremamente preparato ed ispirato.
Sensazioni strane ruotano attorno a questo lavoro, sensazioni che descrivono e ripercorrono un vago senso d’incompletezza, e che allo stesso tempo relegano quest’opera nel limbo delle grandi occasioni sprecate. “Wall Street Voodoo”, dunque, nella sua vesta di cd doppio è sicuramente poco digeribile e meno attraente di quanto, invece, con un consigliabile processo di sintesi a suo carico potrebbe essere.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati