Finalmente l’attesissimo DVD dei Rhapsody of Fire è uscito. Erano ormai anni che tutti noi bramavamo di poter vedere un’esibizione live dei nostri e ora questo desiderio si è avverato. Dalle prime e opache esibizioni datate 2000 la band di Turilli e Staropoli ne ha percorsa di strada andandosi a migliorare sotto tutti i punti di vista soprattutto in sede live. Il prodotto in questione ritrae i nostri in quella che fu la loro esibizione in Canada durante il famoso tour che li vide protagonisti di diversi show come spalla ai Manowar più ancora diversi estratti dalle esibizioni tenute all’Earthshaker Festival e al ceco Masters Of Rock. Prendendo visione dell’intero DVD le influenze manowariane si notano in un battibaleno: basta dare solo un’occhiata al montaggio del suddetto dischetto realizzato proprio in maniera tale da intervallare i brani dal vivo con brevi interviste ai fan, alla band stessa e ad altre momenti forse meno significativi ma in ogni modo piuttosto divertenti come l’ormai famoso bagno di folla che vide i nostri protagonisti durante la signing session in quel di Montreal.

La scaletta proposta è quanto di meglio un fan dei Rhapsody possa chiedere e durante l’arco delle riprese dei tre concerti si passa dalle più datate “Land Of Immortals” e “Emerald Sword” alle recenti “Unholy Warcry” o “Erian’s Mystical Rhymes” passando per veri e propri cavalli di battaglia come “The village of dwarves” o ancora la splendida “Dawn of victory”. Buona è inoltre la prestazione della band con un Alex Staropoli imponente dietro le tastiere e capace di riproporre fedelmente le complesse orchestrazioni che da sempre corredano ogni singolo brano dei Rhapsody. Al tempo stesso Fabio si conferma un ottimo frontman sfoderando una prestazione aggressiva sotto ogni punto di vista interpretando egregiamente anche i brani più complessi come l’operistica “Lamento eroico”. Dal punto di vista degli extra presenti in buona parte nel secondo DVD ci troviamo dinanzi a tanto e succulento materiale: documentari con i vari making of si alternano ai videoclip di “Unholy Warcry” e “Magic Of The Wizard’s Dream” e ancora tantissime riprese video che coinvolgono la band alle prese con un inedito Christopher Lee, fino ad arrivare a brevi interviste in cui i nostri ci illustrano le caratteristiche dei loro strumenti. Insomma, di carne al fuoco ce n’è e i fan non rimarranno certamente delusi.

Personalmente parlando credo che sia stato un vero peccato quello di presentare con una veste professionale (audio e video) il solo concerto a Montreal lasciando invece in uno stato piuttosto amatoriale le restanti due esibizioni. Altra cosa che sinceramente non sono riuscito a buttare giù è proprio il dover intervallare il concerto con interviste e amenità varie che sinceramente riescono solo a rompere l’alchimia che in quel momento si è creata. Chi ama i Rhapsody apprezzerà sicuramente questo materiale. Ora aspettiamo solo che Turilli e soci si separino dai Manowar e possano tornare a lavorare come meglio credono e soprattutto a suonare in madrepatria.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati

Finalmente l’attesissimo DVD dei Rhapsody of Fire è uscito. Erano ormai anni che tutti noi bramavamo di poter vedere un’esibizione live dei nostri e ora questo desiderio si è avverato. Dalle prime e opache esibizioni datate 2000 la band di Turilli e Staropoli ne ha percorsa di strada andandosi a migliorare sotto tutti i punti di vista soprattutto in sede live. Il prodotto in questione ritrae i nostri in quella che fu la loro esibizione in Canada durante il famoso tour che li vide protagonisti di diversi show come spalla ai Manowar più ancora diversi estratti dalle esibizioni tenute all’Earthshaker Festival e al ceco Masters Of Rock. Prendendo visione dell’intero DVD le influenze manowariane si notano in un battibaleno: basta dare solo un’occhiata al montaggio del suddetto dischetto realizzato proprio in maniera tale da intervallare i brani dal vivo con brevi interviste ai fan, alla band stessa e ad altre momenti forse meno significativi ma in ogni modo piuttosto divertenti come l’ormai famoso bagno di folla che vide i nostri protagonisti durante la signing session in quel di Montreal.

La scaletta proposta è quanto di meglio un fan dei Rhapsody possa chiedere e durante l’arco delle riprese dei tre concerti si passa dalle più datate “Land Of Immortals” e “Emerald Sword” alle recenti “Unholy Warcry” o “Erian’s Mystical Rhymes” passando per veri e propri cavalli di battaglia come “The village of dwarves” o ancora la splendida “Dawn of victory”. Buona è inoltre la prestazione della band con un Alex Staropoli imponente dietro le tastiere e capace di riproporre fedelmente le complesse orchestrazioni che da sempre corredano ogni singolo brano dei Rhapsody. Al tempo stesso Fabio si conferma un ottimo frontman sfoderando una prestazione aggressiva sotto ogni punto di vista interpretando egregiamente anche i brani più complessi come l’operistica “Lamento eroico”. Dal punto di vista degli extra presenti in buona parte nel secondo DVD ci troviamo dinanzi a tanto e succulento materiale: documentari con i vari making of si alternano ai videoclip di “Unholy Warcry” e “Magic Of The Wizard’s Dream” e ancora tantissime riprese video che coinvolgono la band alle prese con un inedito Christopher Lee, fino ad arrivare a brevi interviste in cui i nostri ci illustrano le caratteristiche dei loro strumenti. Insomma, di carne al fuoco ce n’è e i fan non rimarranno certamente delusi.

Personalmente parlando credo che sia stato un vero peccato quello di presentare con una veste professionale (audio e video) il solo concerto a Montreal lasciando invece in uno stato piuttosto amatoriale le restanti due esibizioni. Altra cosa che sinceramente non sono riuscito a buttare giù è proprio il dover intervallare il concerto con interviste e amenità varie che sinceramente riescono solo a rompere l’alchimia che in quel momento si è creata. Chi ama i Rhapsody apprezzerà sicuramente questo materiale. Ora aspettiamo solo che Turilli e soci si separino dai Manowar e possano tornare a lavorare come meglio credono e soprattutto a suonare in madrepatria.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati