E’ ormai parecchi anni che i Red Harvest sono in giro e in questo tempo sono riusciti a crearsi una piccola ma fedele schiera di seguaci. Forse per allargare il loro pubblico, o forse per “mungere” i più appassionati, hanno ora deciso di fare uscire questo “The Red Line Archives”, una via di mezzo tra un best of ed una raccolta di rarità contenente alcuni brani già editi mescolati a remix/rarità. Non mi pare che il prodotto finale sia più di tanto interessante, se qualche nuovo ascoltatore si vuole avvicinare alla band mi sembra infatti più sensato comprare direttamente uno dei loro album più famosi (come “Sick Transit Gloria Mundi”) mentre per gli appassionati di roba veramente “golosa” non mi pare ce ne sia tanta (ma sono sicuro che i completisti ci sbaveranno comunque sopra). Quello che potete trovare in “The Red Line Archives” è comunque una panoramica abbastanza varia di quello che la band fa, potrete ascoltare quindi diversi pezzi industrial metallizzati, alcune tracce industrial noise ed altre più ambient – per chi non l’avesse capito i Red Harvest fanno industrial, e pure in maniera abbastanza intransigente -.

Molto altro da dire non c’è, “The Red Line Archives” è una raccolta sufficiente, ma a mio avviso non particolarmente interessante, poi sta a voi decidere cosa pensarne.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati