Noia. Mi dispiace per i Ravenscry, ma è l’unica parola che mi viene in mente pensando a “One Way Out”. Sarà che il genere ormai è inflazionato e mi ha stancato, ma recensire l’ennesimo disco di gothic “moderno”, con chitarroni, voce femminile alla Evanescence/Lacuna Coil/Within Temptation, stacchi melodici (con tanto di pianoforte) e venature di elettronica è per me una sofferenza.
“One Way Out” in sè non è un disco pessimo, i pezzi si fanno ascoltare e sono nella media delle uscite del genere (la sufficienza è quindi meritata), tuttavia personalmente non sento la necessità dell’ennesimo disco clone. Se non ne avete ancora abbastanza di lavori simili potete dare un’ascoltata anche ai Ravenscry, altrimenti passate tranquillamente oltre.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati