www.raventide.com

E’ sempre bello scrivere recensioni per un debut album, specialmente se si tratta di raccontare il lavoro di una band nostrana come i Raven Tide. “Echoes of Wonders” è un album puramente gothic, anche se direi più rock che metal, e con uno stampo prettamente americano nella composizione (più Evanescence che Within Temptation per intenderci, anche se so che definire gli Evanescence gothic è un improprio). Il disco scorre piacevole, con alcuni highlights come “Doom Reveil” e, soprattutto grazie alla voce di Cheryl, vellutata e piacevole per tutta la durata dell’album, ma soprattutto mai noiosa. Ad impreziosire il tutto è da citare il bel lavoro fatto da tastiera e basso: fra tutte ho molto gradito “Frail”, dove il dialogo canoro tra voce, piano e basso rende l’atmosfera semplicemente magica…una ballad da accendino! Purtroppo come molti album di questo genere, il basso non sempre emerge soprattutto nei momenti in cui tutti gli strumenti sono presenti, ma direi che in questo caso il problema è più a livello di mix che non a livello di musicista.

Bella anche la cover di “Frozen” di Madonna, che si adatta perfettamente al genere e che i nostri hanno saputo rendere bene senza un totale stravolgimento.

Ed ora veniamo alle note dolenti: seppur questo album scorra abbastanza piacevolmente per tutta la sua durata, pecca di mordente, in particolare a causa del lavoro fatto da chitarra e batteria, che mostrano un po’ poco carattere sia in fase compositiva, sia durante l’esecuzione. Come già detto prima, il mix non aiuta (a volte le tracce sembrano mal equalizzate e non sempre sembra di avere a che fare con un album, ma con produzioni di qualità inferiore), ma anche l’impatto sonoro a volte è un po’ piatto. Il risultato totale è sicuramente valido ma un po’ troppo omogeneo.

In conclusione, mi sento di promuovere comunque questo album, indirizzato un po’ più alla fascia teenager del pubblico. Corrette le lacune menzionate in precedenza, nulla impedisce ai nostri di farsi notare nella realtà gothic nostrana.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati