Ho avuto il piacere di parlare con il grande Ralph Scheepers in occasione del suo giro promozionale in Italia per il nuovo album “Devil’s Ground”.
Il grande vocalist è stato una persona squisita anche se non è stato molto loquace. Comunque questo è quello che ci ha detto.

Iniziamo col parlare del nuovo album. Cosa significa “Devil’s Ground”? C’entra qualcosa con “Ground Zero”?
Non esattamente. Abbiamo scelto questo titolo perchè naturalmente è un ottimo titolo per un album metal e perchè pensavamo a degli attacchi dallo spazio con l’aquila che vola sopra la città in distruzione.
Come puoi vedere dall’illustrazione di copertina ci sono delle fiamme in tutto il disegno e abbiamo pensato che “Devil’s Ground” fosse adatto come titolo.

La musica dei Primal Fear è molto veloce e aggressiva e penso che “Metal Is Forever” possa diventare un nuovo inno metal. E’ questa la vostra intenzione?
Lo spero! Quando si scrivono delle canzoni si cerca sempre di fare in modo che lascino il segno e “Metal Is Forever” è stata scritta appositamente con questo scopo. I riff sono stati scritti in modo da rimanere facilmente impressi in testa e credo che ai fan piacerà. Spero vivamente possa diventare un nuovo inno metal e spero che rimanga per lungo tempo in testa dopo averla ascoltata. Sarebbe veramente una grande cosa se succedesse.

In quest’album è spesso presente la parola “metal”. Cosa rappresenta per te l’Heavy Metal?
Dunque l’Heavy Metal è per me la mia vita, la mia vita musicale. Ho iniziato negli anni ottanta con la musica degli Iron Maiden, Judas Priest, Accept…
Per me è una cosa molto importante soprattutto perchè in seguito sono diventato un cantante metal. Per me il metal è dovunque.

Sei soddisfatto dei risultati del nuovo album? O cambieresti già qualcosa?
Quando si è in studio durante le sessioni di registrazione dell’album si è sempre molto soddisfatti del lavoro in prima battuta. Pensi sempre di aver scritto della grande musica. Magari si poteva fare meglio qualcosa, ma al momento mi posso ritenere veramente molto soddisfatto. Potrò dirti qualcosa in più quando realizzeremo il prossimo CD. (Si ride NdR)

Avendo la copia promozionale senza i testi me ne parleresti brevemente?
Fondamentalmente i nostri testi parlano di esperienze personali, storie di fantasia di tipo fantasy o di fantascienza. Insomma cose semplici.

Quale reputi sia la canzone che meglio rappresenta l’album, e perchè?
Per me è sicuramente la prima canzone “Metal Is Forever” perchè è la cosa che volevamo realmente ottenere e in cui crediamo molto. Penso proprio che possa essere la canzone idonea a rappresentare l’album.

Attualmente sei molto occupato nella promozione del nuovo album. Ma quando non suoni cosa fai nel tuo tempo libero?
Generalmente guardo molto sport alla televisione e mi diverto a fare molto sport anche se onestamente non ho molto tempo a disposizione.
Mi piace anche guardare delle videocassette di calcio e di formula uno.

“Formula One” è anche una vostra canzone del primo album…
Si, esattamente! Ad ogni modo mi piace molto lo sport, ache se non ho purtroppo molto tempo libero per praticarlo.

I Primal Fear sono fortemente influenzati dai Judas Priest. Ora che Halford è rientrato nel gruppo cosa ne pensi della loro riunione?
Penso che sia la migliore cosa per i Judas Priest… e in particolare per i fan dei Judas Priest.
Stefano, dici che noi siamo influenzati da loro, ma secondo me veniamo da due background differenti. Ad esempio io sì, sono molto influenzato da loro ma questo perchè sono sempre stato un loro grande fan. Solo che ho cercato di aprire la mia mente ad altre influenze e credo di avere ormai raggiunto un mio stile personale. (A me sembra sempre più ispirato e simile a Halford… NdR)

Farete dei concerti in Italia di supporto all’album? Magari il Gods Of Metal?
Si verremo in Italia e suoneremo a Milano al Rolling Stone. Per altri concerti al momento non ne ho proprio idea. Per quanto riguarda il Gods Of Metal sarebbe molto bello poterci suonare ma al momento non ti so dire se questo sarà possibile. Sicuramente faremo dei festival in giro per l’Europa e in Gran Bretagna.

Noi siamo una webzine. Sei a favore della continua nascita di nuove webzine?
Oh sì penso sia una cosa molto positiva perchè la gente nella rete può trovare rapidamente molte informazioni sui gruppi e anche perchè le webzine vengono aggiornate ogni giorno o in modo molto frequente. Insomma non si deve aspettare la pubblicazione di una rivista.

Quindi credi in internet come mezzo pubblicitario?
Sì penso proprio di sì. Il bello di internet è proprio quello di mettere in comunicazione le persone in modo molto rapido con le email e i gruppi vengono facilmente in contatto con i mezzi di stampa.
E’ anche bello perchè si possono effettuare conversazioni in modo diretto con paesi lontani. Internet è veramente una grande cosa.

Ti reputi una persona ottimista o pessimista e perchè?
Essenzialmente sono una persona ottimista. Alcune volte meno altre di più, ma cerco sempre di trovare il buono nelle cose. E’ bello essere ottimisti perchè affronti meglio i problemi della vita. Penso che essere ottimisti sia la cosa migliore.

Una domanda sul tuo passato. Cosa ti ricordi del tuo periodo con i Gamma Ray?
Il periodo con i Gamma Ray è stato uno dei più importanti della mia vita. Ho passato dei bei momenti suonando in vari concerti e in vari festival. E’ stato un periodo molto proficuo quindi, anche dal punto di vista di come si registra un album in studio.
Inoltre c’è sempre stato un ottimo rapporto di amicizia tra Kai e me, e non ci sono assolutamente problemi tra di noi. E’ stato un gran bel periodo.

Siamo in chiusura. E’ stato un onore parlare con te. Ti lascio uno spazio per dire ai nostri lettori per quale motivo dovrebbero comprare il vostro album.
Essenzialmente perchè questo è l’album più duro che abbiamo realizzato fino ad ora …e spero che comprino l’album. (Si ride NdR)

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati