Qualche anno fa mi era capitato tra le mani il demo di Nahui, progetto in cui tutto era fatto da Luca Giancotti, un lavoro tutto sommato interessante ma anche dotato di diverse imperfezioni. A distanza di tempo ecco che arriva il debutto ufficiale “A Blue Fire”, che esce per My Kingdom Music. Appena preso il cd la prima cosa che ho notato è stata, guardando la tracklist, che “After The Wave” (il pezzo migliore del demo), era stato riproposto, la seconda cosa è stata, subito dopo aver inserito il cd nel lettore, che purtroppo si riproponevano anche i problemi che affliggevano il demo. Luca continua infatti a proporre il suo rock alternativo tendenzialmente solare ma con un retrogusto malinconico, musicalmente abbastanza interessante (seppur non originalissimo, prende spunto da molte realtà anche lontane tra loro) ed orecchiabile, tuttavia insoddisfacente dal punto di vista del cantato. Come già si notava nel demo la voce di Luca (che a volte stona, ma soprattutto è troppo monocorde) non è infatti a mio avviso matura abbastanza e la sua interpretazione è il punto più debole di questo prodotto. Le canzoni invece musicalmente sono ben fatte e, sebbene non eccezionali, verrebbero sicuramente più valorizzate da un cantante migliore.

Alla fine “A Blue Fire” è un cd che si lascia ascoltare volentieri e non fa venire voglia di spegnere il lettore prima che sia finito, tuttavia non mi sembra nemmeno tanto interessante da consigliarne l’acquisto.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati