“Sacrifice” e’ il secondo lavoro dei romani My Sixth Shadows. Non avendo sentito la loro precedente fatica non so nulla del loro passato, ma queste cinque canzoni gia’ dicono abbastanza. I MSS ci propongono un goth ispirato ai primi Him (band che non ho mai gradito molto), ma rivisto in chiave un pochino piu’ “heavy”. Il risultato non e’ per nulla malvagio, anche se le cinque composizioni non sono tutte dello stesso valore. Considerando il mini cd da un punto di vista globale ho apprezzato molto il lavoro del tastierista e dei due chitarristi, mentre le parti vocali non mi hanno convinto del tutto (soprattutto in alcuni momenti in cui vengono cercate particolari tonalita’ alte). Nulla di grave, per carita’, ma trovo che spesso il cantante interpreti alcuni stralci dei brani in maniera non del tutto bene accostata alla musica. Parliamo ora un po’ dei cinque pezzi presenti in questo lavoro: “Sacrifice” e’ un’opener decisamente potente, con degli inserti di elettronica davvero ben riusciti e un ritornello favoloso, le strofe forse sono interpretate in maniera un po’ troppo “sofferta”, ma dopo pochi ascolti ci si fa l’orecchio; “Aeteria” parte col cantato meno convincente di tutto il lavoro, ma poi si risolleva e ci propone dei cori molto belli e un accenno di screaming voice che ho apprezzato parecchio; “Die in me” e’ la canzone che mi e’ piaciuta di meno, soprattutto ho trovato particolarmente fastidiose le parti in cui vengono usate tonalita’ molto alte; “Carry On” e’ sicuramente un pezzo ben scritto, ma non mi ha colpito ne’ in positivo ne’ in negativo; “Life is nothing for me” e’ l’highlight del disco, un brano bellissimo e molto trascinante, decisamente riuscito! Globalmente ci troviamo percio’ di fronte ad un buon lavoro, che ha si’ delle imperfezioni (a mio avviso bisognerebbe lavorare ancora un po’ sul cantato), ma che rivela anche idee notevoli (“Life is nothing for me” e’ davvero un gioiellino, ma potrei citare anche “Sacrifice” o i cori di “Aeteria”). Ora spetta ai MSS sfruttare al meglio le loro doti, le premesse ci sono tutte.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati