In occasione della pubblicazione del primo album solista di Michael Pinnella H-M.it è come al solito in prima fila per intervistare uno dei più talentuosi tastieristi del panorama metal mondiale. Michael si rivela non tanto loquace nel rispondere alle mie domande, tuttavia ci rivela alcuni interessanti (ma anche tristi) episodi della sua vita privata e professionale. Buona lettura.

Ciao Michael e benvenuto su H-M.it.
Ciao, un grande grazie a te e ai lettori di H-M.it

Che ne dici di iniziare la nostra chiacchierata parlando di “Enter by the twelfth gate”? Puoi dirci qualcosa a proposito di questo tuo primo disco solista?
Non ho mai pianificato di comporre un solo album, è accaduto in maniera spontanea. Metà della musica presente in “Enter..” è stata registrata lungo un periodo di due anni.
Una notte ascoltando dei pezzi nel mio studio di registrazione ho capito di avere un bel po’ di buon materiale a disposizione e poiché non volevo perderlo ho deciso di registrarlo su di un solo album.

Hai sentito il bisogno di esprimere sentimenti ed emozioni che con i SX non potevi comunicare?
No, alcune di queste parti originariamente erano scritte per la band, ma non furono mai utilizzate; volevo che il mio solo album non suonasse esattamente come un disco dei SX, volevo che fosse una cosa diversa, a sé stante.

Alcuni brani come l’opener “The white room” ricordano molto da vicino il tuo modo di suonare con i SX, mentre altri passaggi sono distanti dal tuo classico modo di suonare con la band; è stato difficile per te separare le due cose?
No, non del tutto. Le mie influenze musicali, sia io scriva per la band o per un mio album solista, sono sempre le stesse. Tutte le canzoni di “Enter…” vengono da differenti fonti d’ispirazione, questo è il motivo per cui alcune suonano così diverse e altre invece no.

Com’ è nata l’idea di usare solo basso, tastiere e drum machine e di eliminare del tutto la voce e la chitarra?
Ho voluto semplicemente suonare tutti gli strumenti.

Ci sarà un seguito di “Enter…” oppure questo rimarrà un episodio isolato come“The dark chapter” di Romeo?
Si, ci sarà un seguito quando avrò un po’ di tempo libero e saranno presenti altri musicisti come ospiti speciali.

Che cos’è la “dodicesima porta”? Ha un nesso logico che unisce tutti i brani di “Enter..” oppure no?
No, in realtà la “dodicesima porta” doveva corrispondere con la speranza. Durante il processo di scrittura di “Enter…” mio mamma era gravemente malata e mi ha lasciato proprio quando il disco era finito. Molta dell’ispirazione mi fu trasmessa proprio dalle sue condizioni.

Com’ è stato accolto “Enter…” dalla stampa mondiale?
Il disco è stato accolto molto bene.

Ok, ora se non ti dispiace vorrei cambiare discorso e farti qualche domanda a proposito del nuovo album dei Symphony X…ci puoi dare qualche anticipazione in proposito?
Stiamo in questo periodo scrivendo le canzoni del nuovo SX e speriamo di finire entro l’estate e di venire in tour in Italia durante i primi mesi invernali.
Ci sarà un successiva evoluzione del vostro sound oppure i nuovi brani saranno simili a quelli presenti su “The odyssey”?
C’è sempre stata un qualche tipo d’evoluzione, ma è ancora troppo presto per sapere quale direzione musicale prenderà il nuovo album.

Avremo il piacere di vedervi di nuovo i Italia?
Si, sicuramente. Quando il nuovo album dei SX sarà pronto l’Italia sarà certamente inserita nella scaletta del tour

Un gran numero di band sta realizzando un dvd live…quando potremo avere un vostro live ufficiale?
Ne abbiamo già parlato. Speriamo di poterlo realizzare durante questo imminente tour. (Evvai, era ora!! n.d.r.)

Ok, siamo in chiusura, come nostra consuetudine ti lascio lo spazio per dire quello che vuoi ai nostri lettori, un grande saluto a te e agli altri ragazzi!
Vorrei ringraziare tutti i nostri fedeli fans che ci hanno sostenuto in questi anni. Non vediamo l’ora di suonare dal vivo il nostro nuovo materiale (e anche qualcosa di vecchio). A presto!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati