I Masterplan, come ormai tutti sapranno, sono la nuova band di Roland Grapow e Uli Kusch buttati fuori in malomodo da Michael Weikath dagli Helloween. Dalla notizia della fondazione di una nuova band degli ex-Helloween ero veramente curioso di sapere cosa sarebbero stati capaci di fare.
Onestamente mi aspettavo molto da Grapow che negli Helloween ha scritto alcune delle più belle canzoni del periodo post Hansen/Kiske. Direi che non mi aspettavo qualcosa di troppo simile agli Helloween ma qualcosa di sufficientemente diverso, vista anche la forte passione di Grapow per Malmsteen e di Kusch per i Rainbow.
Completano la formazione il cantante Jorn Lande (ex Ark), il bassista Jan Eckert (Iron Savior) e il tastierista Axel Mackenrott (Catch The Rainbow). Tutti nomi di un certo rilievo.
Ora che ho finalmente tra le mani il singolo posso finalmente dire che le attese sono state ampiamente confermate.
Il singolo è composto da cinque canzoni di cui una in due versioni, una bonus e una cover registrati ed eseguiti in maniera impeccabile da questi cinque professionisti.
Il pezzo iniziale del singolo “Enlighten Me”, e finale nella versione album, ha dei riff pesanti in stile “The Dark Ride” ma meno oscuri e più solari dato anche l’alto contenuto commerciale del brano con un grande Jorn Lande che urla come un indemoniato, mentre “Kind Hearted Light” è più sinfonica, veloce e neoclassica. Un brano che ricorda gli Stratovarius più ispirati, diciamo anzi un brano che a Tolkki sarebbe piaciuto scrivere, e in cui Lande mi ha ricordato Eric Adams nel modo di cantare.
Si prosegue con la traccia bonus “Through Thick And Thin” che, nonostane sia una buona canzone semplice ma d’effetto, risulta un po’ fiacca rispetto le precedenti.
Arriviamo quindi alla cover di “Black Dog” dei Led Zeppelin, apparsa anche in un tributo dedicatogli, in cui la band mette poco di suo suonando il brano troppo fedelmente all’originale e, onestamente, non trovo interessante ascoltare una cover che non venga interpretata a modo proprio da un gruppo.

I Masterplan, in conclusione, sono un gruppo che farà molto parlare di sè e mi auguro che l’intero album si mantenga su questi ottimi livelli. Questo singolo ha accresciuto in me la curiosità e la voglia di sentire l’album intero. Intanto promossi a pieni voti.

Scheda Redattore Stefano Muscariello

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati