I Kataklysm sono attivi da oltre dieci anni, ma sono riusciti a raggiungere una grande notorietà solamente grazie al loro penultimo album, quello “In Shadows And Dust” che mostrava appieno le grandissime potenzialità del gruppo canadese. Ma con questo nuovo “Serenity in Fire” il combo supera se stesso proponendoci 10 nuove potentissime song, dai riff molto più trascinanti e coinvolgenti.
Una cosa molto positiva per il gruppo è stato l’ingresso nella lineup del talentuoso e giovanissimo batterista Martin, alla sua prima esperienza in un lavoro in studio.

Quando avrete fra le mani questo cd vi consiglio di andare subito ad ascoltare le sue massacranti sfuriate nelle song “The Resurrected”, “The night They Returned” e soprattutto in “Blood On The Swans”, una delle canzoni piu’ potenti che abbia mai ascoltato.
Questo album è un puro concentrato di riff pesantissimi, blast beat e numerose accelerazioni…, un paradiso musicale per i piu’ incalliti headbangers.
Dopo un breve intro vocale inizia il massacro con l’opener “The Ambassador Of Pain”, con un ritornello stile Slayer, molte ritmiche mid tempo e brutal, che rendono la song molto dinamica. Il pregio dei Kataklysm è di generare violenza senza mai causare del caos fine a se stesso, sfoggiando un ottimo songwriting in gemme come “The Night They Returned” (che sarà inclusa nella colonna sonora del sequel del famoso film “The Return Of The Living Dead”) e nella già citata e mai totalmente osannata “Blood On The Swans”. A seguire segnalo “For All Our Sins” con accenni al black metal, dovuti principalmente agli screams che Iacono alterna al suo consueto growling.
La produzione è la migliore della loro carriera ed è curata, come sempre, dal loro chitarrista Dagenais, già al lavoro con altre band come i Malevolent Creation.

Un bellissimo album che si lascia ascoltare interamente senza mai annoiare, ricco di grandi riff, melodie e soprattutto di uno straordinario impatto sonoro (e non a caso la Nuclear Blast ha rinnovato loro il contratto per ben 3 album).
Incomincio già a segnarmelo tra le migliori uscite di quest’anno.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati