Troppo spesso mi capita di leggere interviste ai gruppi emergenti e mi capita di leggere troppo spesso le stesse domande. Con questa intervista ho deciso di uscire un pò dai soliti canoni giornalistici che siete abituati a seguire e leggere sulle numerose webzine e giornaletti in circolazione, porgendo a questa band le domande più casuali. Una sorta di divertente e insolita interrogazione di cultura generale, senza dimenticare comunque di tenervi informati sul gruppo stesso. Ho scelto di intervistare una nuova realtà sarda deniminata DORMIN. A breve è prevista la pubblicazione del primo album, prevista per il 2 dicembre, che si preannuncia tra l’altro un ottimo lavoro, ma ne seguiranno altre fatte ad altre band, quindi continuate a seguire gli sviluppi di questo nuovo metodo di fare intervista. A voi dunque buona lettura e buon divertimento.

1474779_551213434973147_1827871971_n

1) Ciao ragazzi intanto presentatevi, chi siete, da dove venite….

REX: Ciao, qui Rex frontman della band Black\Doom sicula Dormin una nuova realtà underground sicula che debutterà ufficialmente il 2 dicembre per l’italiana Beyond…Prod con l’album Psykhe Comatose Disorder, un concept un po’ autobiografico che ricalca alcuni punti salienti della mia non-esistenza.

CAIRN: Ciao a te e a tutti i lettori, io sono Cairn, sono l’altra metà della band e vivo in Sicilia.

2) Perché suonate proprio quel genere?

REX: Bella domanda, dalla risposta scontata. Ci piace, e continueremo a fare cio’ che ci appaga fin quando non saremo stanchi di farlo.

CAIRN: è il frutto dei nostri gusti personali, delle influenze che la musica ha avuto sulla nostra creatività, è anche una scelta ben precisa fatta quando si discuteva sulla strada da intraprendere e sul “linguaggio” da utilizzare.

3) Siete contenti di suonare metal estremo in Italia?

REX: Onestamente non mi interessa. Tra l’altro Psykhe Comatose Disorder è un album sin troppo personale e ho ribadito piu’ volte che i pezzi contenuti in esso non verranno MAI suonati durante una sessione live.

CAIRN: Decisamente no… Di certo il metal estremo è un genere di nicchia e sarebbe strano, se godesse della pubblicità riservata solitamente alla musica pop, però di sicuro in Europa ci sono realtà più favorevoli per chi sceglie di suonare metal.

4) Da qualche tempo nella politica odierna si parla molto di “mezzogiorno”. Sapete spiegarmi di cosa si tratta e anche cosa ne pensate in merito?

REX: Odio i tg nazionali, di solito evito di farmi riempire il cervello di spazzatura. Tra l’altro odio anche tutte le persone che continuano nel 2013 a parlare di nord, di sud, di mezzogiorno, di centro, e poi in maniera molto coerente festeggiano i 150 anni dell’unità d’italia…

CAIRN: La politica del “mezzogiorno” dovrebbe guardare al Sud Italia, ai grandi problemi delle regioni meridionali, in realtà è una parola utilizzata per raccogliere voti durante le elezioni, perché poi tutte le promesse fatte in campagna elettorale vengono magicamente dimenticate.

5) Dove si trova i Kurdistan?

REX: Non ne ho idea, comunque in medio oriente mi sa.

CAIRN: il Kurdistan ? si trova in medio-oriente, è un’ampia zona nella quale si trova la maggior parte del popolo Curdo ma non è una vero e proprio stato, almeno questo è quello che ricordo

6) Vi piace il metal?

REX: Che domanda ahahahah, chiaro!

CAIRN: Ascolto e suono tantissima musica ma non potrei fare a meno del metal, somministrato ogni giorno con dosi di volume esageratamente alte !

7) Cosa mangiate o bevete quando avete finito di esibirvi?

REX: Beh quando iniziai a suonare con la mia prima black metal band (i delirio occulto), alla fine di ogni live prendevo sempre uno shortino di jack. Adoro il jack daniels. Mangiare. Non saprei, quello che capita?

CAIRN: a parte l’imprescindibile birra ghiacciata, non ho preferenze sul cibo anche perché di solito non ho fame dopo aver suonato

8)Cosa ne pensate delle femmine metallare che vengono a sentirvi in live?

REX: Cosa devo pensare? Che vengono ascoltano e giudicano, come i maschietti del resto.

CAIRN: molte ragazze vanno a ascoltare musica dal vivo e ovviamente la presenza femminile è sempre ben accetta, andatelo a dire a chi sostiene che il metal sia dichiaratamente misogino.

10) Che marca di sigarette fumate?

REX: Sempre e solo Camel Light, da 10 anni.

CAIRN: Mi dispiace non fumo

11) Vi piacciono i Pink Floyd? Sapete io sono un po’ malata per questo gruppo.

REX: Atom Heart Mother, e ho detto tutto.

CAIRN: Si li ascolto di tanto in tanto, sono sicuramente una della band più importanti di sempre e hanno influenzato molta musica

12) Volete spiegare le tematiche che trattate nell’ultimo disco che avete prodotto?

REX: E’ un po’ difficile da spiegare. Psykhe Comatose Disorder rappresenta 10 anni della mia vita. Gli anni in cui ho vissuto in prima persona l’agonia di mia madre provata dal cancro. Stessi anni in cui ho avuto un crollo psicologico allucinante, del resto ero un ragazzino. PCD rappresenta una serie di pensieri, desideri e speranze vanificati dalla morte di mia madre e dal mio ritorno alla vita. So che può sembrare un pensiero abbastanza egoistico, ma ti assicuro che è un qualcosa che fa parte della natura umana.

CAIRN: Psykhe Comatose Disorder è un concept basato sulle tristi vicende familiari dal mio amico e partner Rex, sui momenti molto dolorosi che ha vissuto a causa della prematura scomparsa della madre e ovviamente, su quello che queste situazioni hanno generato nella sua mente. Un lungo, oscuro, doloroso incubo, trascritto in musica.

13) Quando è crollato il muro di Berlino?

REX: nell’89 o giu di li.

CAIRN: il muro fu abbattuto nel 1989, momento storico ma forse non eravamo ancora pronti

14) Quanti km avete fatto fin ora con la band a suonare in giro per i locali?

REX: Con i Delirio Occulto molti, parecchi, un esperienza appagante.

CAIRN: per adesso non abbiamo fatto live con i Dormin, però le nostre esperienze passate, anche quelle non comuni, ci hanno fatto macinare un bel po’ di chilometri.

15) Siete soddisfatti dei locali italiani?

REX: In quelli in cui ho suonato o organizzato eventi \ serate mi sono quasi sempre trovato bene. La cosa che delude è la scena secondo me non i locali.

CAIRN: Purtroppo anche questo è un tasto molto dolente, la politica dei locali, perlomeno qui in Sicilia, è quella di guadagnare sempre e comunque quando si organizza un evento o c’è una band che suona, questo significa che non tutti i proprietari sono disposti a far suonare qualcuno se non sono sicuri del riscontro economico.

16) volete salutare qualcuno?

REX: Si il mio pastore tedesco che mi ha lasciato dopo 15 anni.

CAIRN: No grazie sto bene così…. ciao a tutti !!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati