I casertani Inside sono già al secondo demo dopo il vecchio “Contradiction” già recensito da Heavy-Metal.it. Il miglioramento si nota moltissimo già dall’opener “At The Gates”, soprattutto per quanto riguarda la produzione, molto piu’curata, sicuramente più adatta al loro genere molto complesso. Infatti descrivere il genere degli Inside è abbastanza arduo, ma sono riconoscibili molte influenze, dalle atmosfere melodic black stile Dimmu Borgir al tecnicismo dei Death e soluzioni molto prog alla Symphony X, soprattutto nei momenti solistici. Il demo “I Can’t Scream” comprende tre tracce molto convincenti, che mostrano un gruppo molto abile nel comporre e nel suonare, e “in Silence” è, a mio avviso, la song che raccoglie maggiormente le caratteristiche della band. L’uso della doppia voce, ovvero il growl di Ago e la voce pulita di Jessica, arricchisce la già descritta dinamica ma nulla piu’ visto che il punto di forza della band è nei moltissimi cambi di tempo e negli arrangiamenti. Ottima anche la prova del tastierista Bruno, non relegato a semplice tappeto sonoro ma molto attivo nelle canzoni. Volendo fare i pignoli si potrebbe consigliare al chitarrista Ago di evitare i numerosi sweep in favore di linee melodiche piu’ attinenti, anche se sono un grande appassionato dello shredding. Ma di consigli gli Inside non ne hanno affatto bisogno in quanto mostrano una maturazione stilistica davvero notevole. Ormai non ci resta che attendere il loro primo full length album.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati