Già con “Clayman” gli In Flames ci avevano fatto capire verso che strada si stavano avviando… Lontano da “The Jester Race” in poche parole. Inizio dicendo che appunto già “Clayman” mi aveva molto deluso, a parte due track passabili, le altre assolutamente insignificanti per un gruppo come loro.
Con questo “Reroute to Remain” speravo in un passo indietro, invece no, degno successore di Clayman anche se fortunatamente in certi frangenti riesce a piacere di più, ma non nel complesso. Ci sono delle idee che non mi dispiacciono in alcune song tipo “System”, “Cloud Connected”, ecc ma quella, per me, maledetta voce pulita che non ha niente a che fare con quella che troviamo in “The Jester Race” o “Colony” ma che putroppo già si sente in “Clayman” la trovo a dir poco odiosa, senza parlare dei filtri usati.
Sperimentano, voci filtrate appunto, voci clean, stop ‘n go, cambi di ritmo… non dico che siano cose messe insieme casualmente (almeno questo!) ma quegli spunti che possono far diventare bella una canzone vengono schiacciati letteralmente da scelte che non condivido per niente; esempio: l’inizio di “Cloud Connected” mi piace molto ma appena inizia con quella voce pulita… Rovina tutto! Fortunatamente la parte con il growl/scream si riprende molto.
Non capite male, non è che odio le voci pulite, ma QUESTA voce pulita sì! Nel complesso comunque, “Cloud Connected” rimane la canzone migliore dell’album insieme a “Dawn of a New Day”, certo che non ci vuole poi molto se paragonate a song come “Transparent” o “Free Fall”.
Ormai l’avrete capito, se amate come me “The Jester Race” e sperate di riascoltare song simili scordatevelo, lasciate perdere questo album. Se invece non vi è dispiaciuto “Clayman” beh allora questo lavoro vi piacerà, probabilmente anche di più. Io personalmente ritenevo gli In Flames superiori ai Dark Tranquillity, gruppo con cui volenti o no alla fine si finisce sempre per paragonarli.
Ora invece, dopo aver ascoltato gli ultimi lavori di entrambi i gruppi, l’ago della bilancia pende nettamente per il gruppo di Stanne.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati