1) Ciao ragazzi intanto presentatevi, spiegateci chi siete da dove venite, insomma chi sono gli Icethrone e anche qual è il significato del vostro nome.
ALGIZ- Ciao anche a voi, innanzitutto grazie per lo spazio dedicatoci e il supporto. noi siamo Algiz (voce), Metheus (chitarra e voci pulite), Vlaad (tastiere), Loke (chitarra), Hugin (basso) e Herian (batteria). la maggior parte di noi viene dalla liguria (Genova e Savona) ma Hugin è toscano e Herian emiliano. Il nome Icethrone nasce dal fatto di non volere il solito nome scontato da gruppi viking/epico ma che desse comunque l’idea del nord e dei ghiacci.

2) Fate un genere abbastanza chiacchierato, come rispondete quando vi viene chiesto che genere fate?
ALGIZ- La linea guida che seguiamo è quella del death svedese con aperture melodiche, ma ognuno di noi ha gusti musicali diversi quindi ci sono diverse influenze black e thrash, anche se cerchiamo di essere il più personali possibile e di fare principalmente qualcosa che noi stessi ascolteremmo

3) Come vi trovate a fronteggiare la scena underground del nostro paese?
ALGIZ- Non nascondiamo che sia abbastanza difficile, purtroppo non è banale trovare date in giro e non sempre troviamo il supporto sperato

417704_282887065104729_1527793786_n

4) Pensate di essere in grado di emergere in Italia?
ALGIZ- In grado magari lo siamo anche, ma come già detto emergere è già complicato di suo, in Italia forse lo è ancora di più perché in generale non c’è sempre un pubblico pronto a supportare band emergenti

5) Quali difficoltà avete riscontrato a suonare nei nostri locali?
ALGIZ- la cosa più complicata è riuscire ad avere i contatti e anche una volta che si riescono ad avere non è detto che si riceva sempre una risposta. certamente anche per i gestori non è semplice dare fiducia a gruppi emergenti perché, giustamente, guardano anche le entrate che riescono ad avere, e spesso è più semplice attirare pubblico con gruppi cover o tributi. è un circolo vizioso, non si riesce ad avere date se non si è noti ma non lo si può diventare se non si hanno date.

6) Avete mai suonato all’estero? Se si come vi siete trovati e quali differenze di gestione avete riscontrato appunto tra estero e Italia?
ALGIZ- Non abbiamo ancora avuto occasione di suonare fuori Italia, un po’ per questioni economiche e soprattutto perché tutti, chi più chi meno, abbiamo impegni lavorativi da rispettare e muoversi per qualche giorno o settimana non è sempre possibile.

7) Attualmente avete un contratto discografico?
ALGIZ- No, ci siamo appoggiati alla Blacktears of Death per stampare le copie dei cd e per la registrazione alla siae e tutto il contorno burocratico, ma alla fine i nostri prodotti sono stati tutti finanziati da noi del gruppo. ora ci siamo affidati alla ‘Music Solutions’ di Aosta per la promozione.

8) Quali progetti avete per il futuro degli Icethrone?
ALGIZ-  Attualmente stiamo lavorando a del nuovo materiale, non sappiamo ancora se sforneremo un cd full-lenght o un ep, ci stiamo ragionando. per il momento abbiamo registrato quello ce sarà il nostro nuovo singolo ufficiale ‘Dreams of death’.

9) Volete salutare/ringraziare qualcuno?
ALGIZ-  Salutiamo e ringraziamo tutti quelli che ci dedicheranno un po’ del loro tempo leggendo questa intervista e ascoltando i nostri lavori, naturalmente voi per l’attenzione e il supporto e tutti quelli che ci verranno a sentire e supporteranno con la loro presenza e il loro calore. ciao! all for oden, algiz

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati