“Five Shots From Underground”: Cinque domande Cinque al Top Demo di Heavy-Metal.it !

Salve ragazzi, raccontateci la vostra storia e presentate il gruppo.
H-GEORGE è un progetto nato all’incirca nella primavera del 2006 dalla mia volontà di esprimermi in musica e realizzato con la cooperazione/cooproduzione di Carlos.
Sono un chitarrista autodidatta che stanco di non aver trovato le persone “ giuste “ per dar luce ad un progetto serio ho appunto deciso di farlo con le mie forze.
Dopo aver conosciuto Carlos abbiamo realizzato l’idea di Neurotic e conseguentemente dopo la pre-produzione decidemmo per Trevor alla voce che accolse volentieri la richiesta.
Col passare del tempo quella che doveva essere unicamente un episodio di collaborazioni discografiche si è invece trasformato nella volontà di dare luce alla band H-George. Per questo invito i lettori a visitare WWW.H-GEORGE.COM al fine di conoscere le ultime news in merito alla band e al progetto H-GEORGE.

Su cosa basi principalmente i tuoi pezzi e quali sono i punti di riferimento ?
Neurotic vuole essere un concept nel quale parlo di disagio espresso in diverse chiavi di lettura rapportate al tessuto sociale in cui viviamo.
Ciò che cerco di esprimere nei miei testi è il sintomo del malessere generalizzato che vivo/viviamo nella nostra società
La mia principale influenza deriva dai The big four of thrash . Sinceramente non c’è una volontà di voler emulare quel tassello della storia del Metal, ma evidentemente le influenze del Thrash anni ’80 mi appartengono più di quanto possa immaginare.

Cosa non ti piace del metal in Italia e cosa cambieresti?
La differenza del mercato Metal Italiano con altri è la commerciabilità di un prodotto che, come ben sappiamo, è nella maggior parte dei casi decisamente bassa per cui relativamente poco proficua. Secondo me questa è la ragione per la quale tante band emergenti vivono il loro progetto con molta e a volte troppa leggerezza e quindi inevitabilmente lasciando utopico il pensiero di sopravvivenza in un mercato tiranno.
Personalmente richiederei da parte dei musicisti un po’ di professionalità in più per competere con il resto del mercato; da parte delle distribuzioni più attenzione alla pianificazione commerciale di chi non ha un mercato “troppo“ vincente.

Miglior gruppo italiano e più sopravvalutato gruppo italiano ?
Band Italiane potenti c’è ne sono parecchie. Fra le tante quelle che secondo me ci rappresentano molto bene sono Sadist ed Extrema.
Cosi’ come ci sono tante band potenti ce ne sono anche di sopravvalutate ma al momento non ne trovo una che possa apparire tale

Cosa ti ha dato la musica e cosa vorresti darle tu ?
La musica mi ha dato la possibilità di esprimere ciò che con nessun altro mezzo sono mai riuscito ad esprimere; mi ha dato la possibilità di conoscere nuova gente e di fare bellissime esperienze.
Spero di poter contribuire anch’io con la proposta di brani che possano emozionare e far saltare anche perché solo questa è la ragion del nostro essere musicisti.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati