… e anche il mio parere si va ad aggiungere alla lunga lista di opinioni sull’ultimo album dei Gluecifer!! Su questo cd ho letto veramente di tutto, dalla stroncatura piu’ inappellabile all’entusiasmo piu’ acceso… e’ veramente difficile trovare due giudizi simili!!
La causa di tutto questo sta in un’influenza punkeggiante piu’ forte che in passato e soprattutto nella scelta di seguire una direzione musicale tale da poter portare ad un successo piu’ mainstream. Ma allora i Gluecifer si sono venduti? Secondo me no. E’ vero che il cd e’ molto orecchiabile ed easy listening, ma e’ decisamente sincero nello spirito e “scazzone” come deve essere un album dei Gluecifer (molto probabilmente i nostri vogliono soltanto continuare a far casino, ma in locali piu’ grandi ;) !!). I brani sono molto vari, si va da pezzi diretti e un po’ punkeggianti come “Reversed” ed “Easy living” (che ti prendono la testa e te la fanno scuotere avanti ed indietro senza posa mentre pesti violentemente i piedi sul pavimento) a scariche di energia come “Brutus” (che ricorda i brani del precedente “Tender is the savage”). Anche la tanto criticata “Little man”, brano crepuscolare e dark molto differente dal resto dell’album, e’ stata da me molto apprezzata!! Insomma, ci troviamo fra le mani un cd vario ma compatto, che si fa ascoltare piacevolmente dall’inizio alla fine senza stancare!! E il bello e’ che questo e’ un cd che va bene sia per un ascolto attento sia come sottofondo (consigliatissimo da sentire in macchina, attenzione a non farsi prendere troppo pero’!!). Da notare poi come la produzione, che ho letto essere stata affidata a gente digiuna di un certo tipo di sound, sia veramente riuscita, l’ideale per il Gluecifer sound!!
Un appunto pero’ lo voglio fare al package… sebbene il digipack sia molto ben fatto (ci sono anche una traccia dati bonus col video di “Easy living” e una toppa) mancano pero’ i testi, e questo mi disturba alquanto (magari nel booklet dell’edizione normale ci sono, ma ne dubito…). Peccato,perche’ il digipack e’ molto ben curato nella sua struttura…
Tirando le somme “Basement Apes” e’ un album decisamente divertente, capace di prendere molto (soprattutto all’inizio) ma che, come molti album del suo genere, dopo un po’ stanca (anche se ogni tanto torna piacevolmente nel lettore). Non e’ percio’ un cd da avere assolutamente, ma e’ vivamente consigliato, soprattutto se volete qualcosa di scanzonato e diretto… Rock’n’roll !!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati