I Femoral Explosion nascono nell’estate del 2001 a Bologna e sono formati da alcuni ragazzi di circa 18 anni alla loro prima esperienza musicale. Nelle note biografiche si parla di pastone metal violento ed ignorante che si rifà esplicitamente ai primi Mayhem ed ai primi Carcass con le dovute differenze (diciamo che fra loro ed i gruppi che citano c’è l’oceano per intero). Ora non voglio esser cattivo con questi ragazzi soprattutto perchè sembrano davvero simpatici ma qui, purtroppo si parla di musica. Appena ho ricevuto il pacco dal postino l’ho aperto e mi son messo a ridere (guardare la copertina per credere), poi ho inserito il cd nel lettore e, nel pastone violento, ignorante e marcio, si ascoltano spesso grugniti di pura derivazione suina sovrapposti a dei testi incomprensibili (se mai volessero dire qualcosa) recitati in doppio cantato. Inutile citare tutte le 6 tracce presenti nel demo, da “Made Of Flesh” per arrivare a “Chainsaw Deathcrush” (un medley dedicato ai Mayhem, ahimè) passando per “Sepolcri”. La Batteria antitecnica, come la chiamano loro, regna sovrana per l’intero disco, così come i cantati. Però devo ammettere che, nonostante tutto, riescono a creare un suono davvero marcio (almeno per quanto riguarda il guitar work) e magari, fra qualche anno (o decennio?!?) comporranno qualcosa di buono. Per capire di cosa parlo immaginatevi dei Mayhem undicenni (ed un Hellhammer infante) che prendono per la prima volta degli strumenti musicali in mano. Tutto ciò che ho scritto non vuole essere un giudizio negativo perchè credo che il loro approccio alla musica voglia essere ironico, molto ironico. Da ciò, sperando che il mio discorso sia esatto e che non vogliano prendere in giro l’intera scena black e death, credo che l’obiettivo principale dei Femoral Explosion sia quello di strapparci qualche sorriso; obiettivo raggiunto! Che altro dire, non posso assegnare un voto a questo demo e non posso consigliarvene o sconsigliarvene l’ascolto. Sulla loro pagina web è disponibile il demo completo, quindi decidete voi cosa fare!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati