A più riprese considerati la versione danese dei Van Halen, i Fate hanno contribuito non poco, con i quattro lavori sin qui pubblicati, al successo dell’hard rock melodico e più in generale dell’ AOR nel periodo compreso tra la fine degli ’80s e buona metà dei ’90. Il loro comeback, urlato ai quattro venti dalla MTM, non può che far felici tutti gli appassionati del genere, vuoi perchè album come “Scratch’n Sniff” o lo stesso “Fate” hanno rappresentato qualcosa di veramente importante per il settore, vuoi perchè il nuovo “V”, a parecchi anni di distanza dall’ultimo capitolo pubblicato dalla band, è un lavoro davvero entusiasmante e decisamente sorprendente.
Forti della rinnovata collaborazione con Tommy Hansen (già all’opera con Helloween, TNT, Pretty Maids e sul già citato “Scratch’n…”), i Fate rispolverano per l’occasione tutte quelle peculiarità che ne hanno reso il sound indimenticabile: arrangiamenti pomposi ed eleganti, produzione cristallina e potente, soluzioni catchy ed equilibrio perfetto tra melodia e soluzioni tipicamente rock. A tutto questo, inoltre, va aggiunta la splendida voce di Per Johansson, immutata ammaliatrice, e la creatività di una compagine che recupera dai fasti del passato tutto lo splendore e la magnificenza della propria proposta musicale.
Highlights come “Heaven’s Crying Too” e “Ecstacy” sembrano aver fermato il tempo direttamente a metà degli ’80, con quei break da capogiro e quegli arrangiamenti sempre azzeccati e convincenti. “Life”, invece, e l’incredibile ” Nobody Loves You The Way I Do” rammentano quanto i Fate, in passato, abbiamo puntanto sull’aspetto melodico (e se vogliamo romantico) delle proprie composizioni, armeggiando con linee vocali sempre delicate e melliflue. Non mancano, ovviamente, episodi più vigorosi e mascolini, quasi al limite dell’heavy metal come nella suggestiva “Burned Child” o nella più vigorosa “Toxic”.

Per concludere, “V” rappresenta il ritorno in pompa magna di una compagine assolutamente competitiva, noncurante degli anni trascorsi lontano dalle luci della ribalta e del successo. Un nuovo punto di partenza, dal quale attingere a piene mani se si è fan dell’ hard rock melodico di classe.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati