Sembra passato un secolo da quando Fabio Lione si è separato dai Rhapsody Of Fire, eppure è solo ieri. La sua nuova creatura Eternal Idol ha di recente pubblicato l’album di debutto, suscitando molto interesse e curiosità sul percorso intrapreso. Due voci, quella di Fabio appunto e quella della bravissima Giorgia Colleluori che insieme a Camillo alla batteria e al chitarrista Nick Savio provengono dagli Hollow Haze vengono coadiuvati da Andrea Buratto al basso.

Il gruppo sta quindi girando in tour di supporto a The Unrevealed Secret. La serata viene aperta da due gruppi capitanati da donne, i padovani Perpetual Fate e dalle comasche Wicked Asylum.

Officine Sonore è un bel locale alla periferia di Vercelli, piccolo ma con tutti i servizi di un grande club e con un’ottima acustica, cosa quest’ultima mai scontata. La serata si apre con un’ora e mezza di ritardo e si andrà avanti fin oltre le tre del mattino senza intoppi tra concerti, incontro coi fan, autografi e foto di rito.

Perpetual Fate propongono un lungo repertorio per una buona mezz’ora di concerto. Gruppo di non facile presa, brani molto elaborati e intricati dimostrano un bel potenziale. Fortissimi i due chitarristi che si alternano passandosi riff e soli di sicuro effetto. La bella voce di Maria Grazia Zancopè , probabilmente un po emozionata, è risultata un po fredda. Da imparare l’arte di tenere il palco e coinvolgere il pubblico.

Wicked Asylum hanno offerto spettacolo puro. Azione, coinvolgimento e dialogo col pubblico cominciano a scaldare la sala. La cantante Banshee è una vera forza della natura; splendida e ammaliante la voce. Hanno presentato il loro EP di debutto, consistente di soli tre pezzi più una cover di Seek & Destroy, quest’ultima in una veste del tutto personale e pazza. Le altre componenti del gruppo (ebbene si, sono tutte donne) non sono delle principianti. Hanno dato prova che il metal può essere magistralmente suonato e interpretato anche dal “gentil sesso”. Forza così!

Cambio di palco un pelino più lungo rispetto a quello tra i due gruppi precedenti ed ecco che arriva il gruppo top della serata. Dopo l’immancabile intro esplode tutta la potenza della musica degli Eternal Idol. Che dire? Professionismo puro. Tanta voglia di fare musica per sè stessi incuranti di tutto e di tutti rendono i brani potenti e grintosi. L’esecuzione dal vivo è di una fedeltà quasi maniacale a quella in studio. Fabio e Giorgia incantano. Il palco è nelle loro mani, lo conquistano e lo plasmano. Il pubblico pende dalle loro labbra, dai potenti riff di Savio e dal sempre simpatico Buratto che non sta mai fermo. Viene proposto l’intero album, pur se in ordine differente, più due bonus. Gli Eternal Idol non danno tregua, tengono sempre viva l’attenzione, mai una pausa noiosa. La musica dal vivo, quella sudata e conquistata a fatica, scorre nelle loro vene. Si vede quanto amino la loro musica, quanto ci credono. E chi è andato lì curioso di conoscere gli Eternal idol, e magari era un po scettico all’inizio ha finito per farsi conquistare.

Esecuzione 10. Coinvolgimento 10. Audio 9.

Supportiamo questi live. Andiamo con gli amici a berci una birra e ad ascoltare musica onesta, scritta e suonata col cuore. Che il metal sia con tutti noi.

 

 

Scaletta della serata:

INTRO

EVIL TEARS

ANOTHER NIGHT COMES

DESIDIA

BLINDED

SAD WORDS UNVAILED

IS THE ANSWER FAR FROM GOD?

BEYOND

ANCIENT STORY

A SONG IN THE WIND

FEELS LIKE I’M DYING

STORMY DAYS

HALL OF SINS

AWAKE IN ORION

 

BIS: NO REST FOR THE ANGELS

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati