Sconosciuti in italia ma piuttosto noti in Ungheria, loro città natia, gli Ektomorf debuttano con questo “Destroy” sul colosso metal Nuclear Blast dopo quattro dischi.
Il genere proposto è un granitico thrash-core influenzato tanto dai primi Machine Head quanto da Sepultura di un tempo e Soulfly per intenderci. Ritmiche martellanti e semplici, riffoni pesantissimi e vocione growl che urla ferocemente per quasi tutta la durata dell’album.
Certo la Nuclear Blast deve aver sentito il profuo dell’affarone lontano un miglio quando ha firmato il contratto con gli Ektomorf perchè, nonostante si tratti di musica estrema, questo “Destroy” ha la qualità di essere dannatamente accessibile a tutti… vuoi per il groove, vuoi per la carica d’energia che riescono a trasmettere, hanno davvero le qualità per essere apprezzati anche da chi, con la musica estrema, ha ben poco a che fare.
A tutto questo, che di per sè potrebbe risultare poco originale, si aggiunge un tocco leggero di melodia folk, presente in piccole dosi sapientemente usate al fine di rende “Destroy” più vario e “originale”, per distinguersi dalla massa insomma (e forse scopiazzare ulteriormente Solufly e Sepultura!).

Manifesto dell’intero album può essere la pesantissima title-track o la successiva “Gypsy” nella quale, come dicevo prima, fanno la comparsa queste melodie folkloristiche-tribali (assai affascinanti per dirla tutta) con cori, e altrove con percussioni ecc…. Anche l’uso del sitar, anche se molto in sottofondo, è appropriato e, in brani come “Far From Away” e “You Are My Shelter” (uno dei migliori brani del disco), non fa altro che donare quel tocco in più che non guasta mai. Non mancano poi brani veloci e violenti, come “Only God” e la conclusiva “Tear Apart” anche se, a far da padroni, sono quei brani che si diramano su tempi più sostenuti (ricordando un pò i Pantera) e rocciosi che faranno la gioia degli headbangers più incalliti.

Forse “Destroy” pecca un po’ in ripetitività ma resta ugualmente un prodotto valido, certamente lontano dalla mera operazione commerciale.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati