Ma che razza di CD è mai questo!!
Dalla copertina credevo di avere a che fare con una power-prog band.
Ma poi scopro che si tratta di una raw-black band, veramente old-school.
Ma aspetta, che fa il cantante? Tutto ad un tratto mi stampa un coretto da Linkin Park! E poi? E poi riprende con una specie di thrash. Poi di nuovo il coretto!
Davvero spiazzante.
La produzione poi…sembra quella di qualche band black misantropa e blasfema di qualche paesino sperduto tra i fiordi.
Un Cd davvero incomprensibile, dove black, thrash, death,si susseguono in un calderone incompresibile, dove le parti risultano non solo slegate ma totalmente in contrasto tra loro, dove la somma delle influenze da un risultato inferiore ad ogni singola parte.
Peccato, perchè quando la band prosegue un discorso senza iniziarne altri in contemporanea, la cosa funziona. La base di black-thrash è molto convincente, la voce è personale ed il tutto convince e coinvolge. Poi però arrivano le parti alla Crazytown e davvero non capisci se i nostri abbiano perso del tutto l’intelletto. Per non parlare poi dei momenti di gloria che il chitarrista si ritaglia qua e là, impersonando un qualsiasi axeman cotonato.
Sarà ma a me questo metal-core non ha mai convinto, eppure c’è gente che sà quello che fa.
Qui invece non credo che i nostri abbiano ben chiaro a cosa hanno dato vita.
Sicuramente un lavoro personale ed azzardato, che non ha paura di osare, peccato che servono capacità ben superiori per non risultare ridicoli.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati