Ciao ragazzi, anzitutto spiegate un po’ come è nata la vostra band e la scelta del nome.

Dog: Ciao Sorella, i Violentor sono nati 3 anni fa, volevo formare un gruppo che contenesse tutte le mie passioni musicali estreme, thrash, heavy, speed ma anche punk e crust, fare un genere diretto e istintivo, genuino, grezzo e  violento, da qui il nome, con l’ intenzione di andare in giro a fare un po’ di casino e suonare per divertirci.

Ho trovato i componenti tra i miei fratelli di sbronze e concerti da piu’ di 10 anni, con Riccardo “Rot” Orsi  – basso e Alessandro “Rasha” Battistella alla batteria .

All’ inizio eravamo in 4, c’ era anche Elisabetta alla 2° chitarra che e’ uscita dal gruppo, ora abbiamo deciso di rimanere un power trio.

Con l’uscita di “Violentor” primo album da voi realizzato e autoprodotto, avete riscosso un discreto successo nel nome del thrash metal in Italia. Come vi hanno accolto i fans?

Dog: Mah! Non lo so se abbiamo avuto successo, si’, il primo disco e’ stato recensito bene, abbiamo fatto parecchi live in giro per l’italia e un paio di date all’ estero, ci e’ servito a stringere contatti con promotori, conoscere gente nuova, altre bands, sia in italia che in europa, e’ stato un buon inizio insomma, diciamo che dagli amanti del thrash e speed metal, e a chi piace punk e hardcore non siamo stati snobbati e nemmeno passati inosservati.

Nei  vostri testi traspare tutta la rabbia e tutto il marciume che esiste sulla faccia della terra. Volete esprimere un vostro pensiero in merito alla scelta di questo stile?

Dog: I nostri testi sono molto personali e sono anch’essi molto istintivi, parlano prevalentemente di noi, della nostra vita quotidiana, di cio’ che ci fa arrabbiare, di quello che non tolleriamo, di voglia di libertà, di cio’ che ci fa sognare e sopratutto della volontà di non sottomettersi mai a regole, tendenze, mediocrità.

L’album Violentor è stato definito uno degli album più grezzi e crudi degli ultimi due anni nel campo thrash underground. Che effetto vi fa sapere che, chi inizia un percorso simile al vostro,  vi prende da esempio?

Dog: Si’ il disco e’ molto grezzo, volevamo questo e il risultato per quanto mi riguarda mi soddisfa in pieno, noi abbiamo fatto sempre le cose per pura passione senza riflettere  troppo su quello che e’ giusto produrre per il mercato, facciamo musica esclusivamente per noi, chi apprezza e ci segue e’ perche’ ha la stessa nostra passione per questo tipo di genere, se la nostra roba non piace non ci importa, noi andiamo per la nostra strada, facciamo la musica che sentiamo e probabilmente riusciamo, pur non suonando nulla di nuovo ad essere riconoscibili, ad avere un certo stile tutto nostro. Ma chi vuoi chi ci prenda da esempio, siamo tre bastardi! eheheh

Siete dotati di un carattere molto forte che improntate soprattutto musicalmente, cosa ne pensate della scena metal underground del nostro paese?

Dog: Si’, come gia’ detto sopra la nostra musica riflette i nostri caratteri, e’ molto personale.     La nostra scena Underground: tasto dolente! Ci sono gruppi che apprezziamo e che si stanno muovendo bene, anche fuori dall’ Italia, vedi Bunker 66, Walpurgis Night, Game Over, i nostri fratelli Sofisticator e Devastator, (Riccardo “Rot” Orsi suona anche con loro il basso) da piu’ di 10 anni sono in giro, gli storici Fingernails, gli Etrusgrave, gli Axevyper, ed altri che non sto ad elencare sennò non finisco piu’…  Purtroppo quello che ci ha sempre fregato qui da noi e’ il fatto che i gruppi hanno poca voglia di sbattersi, nel procurarsi uno spazio. Alla gente pesa il culo e non va ai concerti delle altre bands e non capisce quanto sia importante per una band muoversi all’ interno della scena underground, se vuoi suonare devi portare in giro la tua roba, non si puo’ pretendere che i promoter si facciano vivi da soli, d’altra parte non c’e’ verso di emergere oggi, non ci sono piu’ i fenomeni musicali, ci sono però i fenomeni da baraccone e come in tutte le cose, noi italiani siamo i n° 1 al mondo. Lasciamo perdere, quest’ argomento, ogni volta che vado ad un concerto metal mi vergogno nel vedere certi elementi che fanno i metallari (tra il fare e’ l’essere c’e’ una bella differenza). Se poi nell’ underground ci mettiamo dentro anche il fenomeno del “Pay to Play” allora siamo apposto, non mi divulgo oltre, dico solo che noi Violentor siamo contrari al 100%

Nel  dicembre 2011 esce un tributo alla celebre Strana Officina, intitolato “L’officina dei Sogni” Parlateci di questo progetto e a cosa è dovuta la scelta di realizzare questo disco.

Dog: Il tributo alla Strana Officina e’ nato per rendere chiaramente omaggio al piu’ grande gruppo Heavy Italiano, essendo noi per primi grandi fan e amici della band toscana. l’idea e’ partita una sera per caso, eravamo a casa di Tiziano “Hammered” Sbaragli , voce degli Etrusgrave e con noi c’erano pure gli amici Axevyper , buttai là l’idea che fu accolta assolutamente con entusiasmo da tutti. Abbiamo quindi contattato Claudio Pino di Loud and Proud, storico programma radiofonico metal toscano in onda da oltre 25 anni,   da anni grande fan della Strana e nostro caro amico e supporter che ci ha aiutato a produrre il tributo. I membri della Strana Officina e Bud Ancillotti in particolar modo erano felicissimi. Tutt’ora potete reperire il CD presso il nostro merchandise, oppure contattando direttamente Claudio Pino su Facebook. Ve lo consiglio, 14 tracce di puro underground Toscano!!

Sotto quale etichetta siete attualmente?

Dog: La Messicana EBM records :  www.ebmrecords.com

Siete ormai prossimi all’ uscita del vostro nuovo disco “ROT” parlateci del nuovo disco volete dirci qualcosa a riguardo? 

Dog: Ebbene si’ il 23 novembre esce ufficialmente ROT, il nostro secondo lavoro in studio, l’unica differenza sostanziale che c’e’ dal primo disco e’ che questo ha una produzione migliore e i pezzi sono un po’ piu’ lunghi,  chiaramente in pieno Violentor style! Sta a voi giudicare, io dico solo che “ROT” e’ piu’ punk e piu’ metal rispetto al precedente lavoro, anche con questo vi sfogherete, senza ombra di dubbio.

Che programmi che avete in questo periodo?

Inizieremo un minitour di 5 date in Italia, il “Rot release party tour” dove presenteremo il nuovo album, suoneremo a Roma, Prato, Milano, Parma e Firenze insieme ad ospiti d’eccezione ad alternarsi con noi di data in data che elenco molto volentieri: Turbocharged dalla Svezia, Obsessor dalla Germania, Fingernails, Necrodeath, Sofisticator, Devastator, Hammer e Rexor.  La settimana dopo il tour suoneremo in UK, a Newcastle con Destroyer666 e altre bands locali e a Londra. E poi via, suonare suonare, suonare!!

Vi sentite di ringraziare qualcuno in particolare?

Dog: Un si ringrazia nessuno, fottetevi tutti! (si scherza)…………UH!

 

I VIOLENTOR li potete seguire sulla pagina facebook al seguente link: https://www.facebook.com/VIOLENTOR666?fref=ts

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati