Tornati in auge dopo un lungo silenzio, i Celtic Frost sono considerati insieme a Venom, Slayer, Possessed e Bathory, tra i gruppi più influenti della scena estrema. Dai Darkthrone ai Cannibal Corpse, passando per Necrodeath, Dimmu Borgir e tutti questi gruppi che hanno trovato in album come “Emperor’s Return” e “To Mega Therion” delle vere e proprie fonti di ispirazione.
Un gruppo che, sebbene di riferimento nella scena estrema, ha sempre avuto il coraggio di mettersi in discussione, a volte con risultati sorprendenti, altre volte invece con risultati disastrosi. Molti considerano gli album sopracitati come dei veri capolavori, e questo nessuno lo può negare, ma sono dell’opinione che il loro apice lo hanno toccato con “Into The Pandemonium”, album che ha saputo evolvere completamente lo stile metal di allora (stiamo parlando del 1987, periodo in cui l’immobilismo sonoro spadroneggiava) e che ha rappresentato il germe di un’evoluzione che avrebbe contagiato tutta la musica estrema del decennio successivo (Ulve e Sdamale vi dicono qualcosa?).
Un album sorprendente, evoluto ma non in maniera drastica; il beat primordiale degli esordi c’è e si sente, ma si arricchisce di voci femminili, improbabili arrangiamenti orchestrali e riffs ipnotici e a tratti anche orientaleggianti, il tutto sorretto dall’inconfondibile voce di Tomas G. Warrior anch’egli evolutosi abbandonando in parte le growling vocals ad appannaggio di vocalizzi più darkeggianti, quasi delle nenie. Per non parlare di “One In Their Pride”, canzone ipnotica piena di arrangiamenti elettronici, soluzione quest’ultima che Warrior utilizzerà più in là nel progetto Apollyon’s Sun, e delle cover di “Mexican Radio” e “In The Chapel, In The Moonlight” rispettivamente di Wall Of Voodoo e Dean Martin.
Al giorno d’oggi tutto questo stravolgimento potrebbe sembrare normale amministrazione, visti i tanti gruppi “avantgarde” in circolazione, ma nel caso vi dobbiate domandare da dove potrà essere nato tutto ciò, “Into The Pandemonium” sarà senz’ombra di dubbio la vostra risposta.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati