Napalm Death – Time Waits For No Slave

Cosa si può dire dei Napalm Death che non sia stato già detto? Una band che ha praticamente creato un genere, il grindcore e ha contribuito ad evolverlo con dischi sempre di altissimo livello e convincenti. Se ...

Downtonone – Ouverture

Non deve essere facile affrontare la scelta della lingua da utilizzare per il debut-album... non deve esserlo stato certo per questi downtonone, novità livornese per la Risingworks. I ragazzi hanno talento, que...

Cyber Cross – Ira

La band in questione descrive il proprio genere con due sole parole: essenzialità e potenza. Bene, se solitamente l'oggettività manca a quasi tutti gli artisti chiamati in causa a giudicare se stessi, nel caso ...

VII Gates – In Hoc Signo Vinces

Arrivano dalla Svezia i VII Gates. Giungono qui al loro secondo album, e ci danno subito dei grattacapi. Che scrivere di questo disco? Tanti stili, tante influenze, ma alla fine poca sostanza mi verrebbe da esp...

The Prophecy – Into The Light

Con "Into The Light" i The Prophecy provano a proporre qualcosa di personale in una scena satura come quella del gothic doom. I nostri hanno evidentemente ascoltato bene i vecchi dischi dei My Dying Bride, tutt...

Loch Vostok – Reveal No Secrets

Provenienti dalla Svezia, i Loch Vostok tornano a farsi sentire con il loro terzo lavoro intitolato Reveal No Secrets, album che si potrebbe considerare alla stregua di quei dischi che (spesso inutilmente) vorr...

Cain’s Offering – Gather The Faithful

Uno dei tanti new project. Stavolta i nomi illustri a comporlo sono quelli di Timo Kotipelto (vocalist Stratovarius), Jari Limatainen e Miko Harkain (ex Sonata Artica). Il risultato è soddisfacente, la varieta’...

Murderdog – Promo 2009

Mi ritrovo per la seconda volta a recensire un gruppo italiano per cui nutro una profonda e spassionata stima, i Murderdog che, dopo l’ottimo God Red Rum, torna a far parlare di sé con il promo che precede la n...

Rudra – Brahmavidya: Trascendental I

Mah...un disco che mi lascia un po' perplesso ed interdetto. I Rudra arrivano da Singapore, e lo fanno con un prodotto molto particolare, un mix tra death metal, black e folk. Spesso e volentieri infatti tra le...

Great Master – Underworld

I Great Master sono in giro da sedici anni, nonostante la data di uscita di questo loro primo disco. La band ha già licenziato due demo ed ora si trova, dopo due anni dal suo completamento, a dare alle stampe “...

Sententia – The Center In The Sand

Musica soft e melodica, caratterizzata da toni maliconici e da atmosfere liquide. Non c'è molto di originale in questo album dei Sententia. I brani sono gradevoli, ma cose del genere si sentono già da tempo, sp...

Strange Land – Catharsis

Giunge tra le mie mani questo album degli americani Strange Land giunti al loro terzo album dopo “Anomaly” e “Blaming Season”. Questo nuovo “Catharsis” dello scorso dicembre è un disco che mette in evidenza il ...

Clonecircle – Behind The Wire

"Behind The Wire" è il classico disco carino, gradevole e inutile. Non è brutto, si ascolta senza problemi, tuttavia subito dopo averlo tirato fuori dal lettore cd già non lo si distingue più dalla massa di alt...

Nhorizon – Skydancers

I Nhorizon sono una band toscana di buon symphonic metal melodico italiano ma sono anche l'esempio di come spesso una produzione non delle migliori possa fare realmente la differenza tra un ottimo lavoro e un ...

Mark Sweeney – All In

Secondo disco solista per lo svizzero Mark Sweeney, cantante dei Crystall Ball, dotato di una voce melodica e dal timbro sufficiente caldo. Anche in questo caso, come per il precedente “Slow Food”, ci troviamo ...

Svartahrid – Ex inferi

Veri veterani della scena black norvegese, gli Svartahrid, attivi dal lontano 1994 e con all’attivo ben quattro full, di cui due usciti sotto la prestigiosa Napalm Records, tornano dopo due anni di silenzio dal...

Wuthering Heights – Salt

Sono passati quattro lunghissimi anni dall\'ultimo The Shadow Cabinet dei danesi Wuthering Heaights, gruppo che si è sempre contraddistinto per la raffinatezza della propria musica. Mai troppo manale, mai tropp...