Pubblicato nel 1980
www.heavenandhelllive.com

1979. Ritchie Blackmore non contento del successo commerciale dei Rainbow decide di indirizzare la sua band verso un sound più pop-oriented il che crea malcontento con conseguente abbandono del gruppo da parte di Ronnie James Dio. Più o meno nello stesso periodo i Black Sabbath licenziano Ozzy Osbourne per abuso di stupefacenti ed alcool. Avviene quindi il matrimonio fra il folletto del rock e il Sabba Nero.
Qualcuno disse che con l’arrivo di Dio, i Sabbath diventarono una sorta di “Black Rainbow”…Non so se trovarmi totalmente d’accordo con questa affermazione, ma vero è che il sound del Sabba Nero non fu mai così epico e maestoso come in questo disco. Fin dall’opener Neon Knights, splendido pezzo veloce e immediato, in cui la voce di Dio è subito protagonista, qualche richiamo all’Arcobaleno non lo si può negare anche se la matrice della song rimane comunque ancorata a un sound più metal. Da segnalare il solo vincente di Iommi.
Le maggiori novità nel suono sabbathiano si hanno però nei pezzi più epici come l’evocativa Children Of The Sea, che alterna arpeggi acustici a parti elettriche, con Dio artefice di una prestazione magistrale, o come nella title-track, vero inno metal con un riff e un giro di basso che sono ormai storia, e con la voce di Dio che si staglia maestosa e potente lungo i sette minuti del brano.
Lady Evil e Wishing Well si mantengono invece su territori più consoni ai Sabbath (anche se Dio porta sempre con sé un po’ della sua “magia”), con il basso pulsante di Butler a scandire il ritmo. Il singolo Die Young è un altro pezzo stupendo che alterna parti più lente e malinconiche al suono più cupo e pulsante sabbathiano. Da pelle d’oca la performance di Dio come, del resto, l’intera prestazione del gruppo. Menzione doverosa anche per la conclusiva Lonely Is The World pezzo dall’incedere possente, e a tratti triste, che sfocia in un finale costellato da un’orgia di assolo esaltato dall’accompagnamento delle tastiere…strepitoso!
“Heaven And Hell” è, e resterà per sempre, un capolavoro metal.

http://www.youtube.com/watch?v=DbxcNZiFGB0

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati