Dalla Goregorecords ci perviene questo 3-way split in formato digipack contenente i brani di tre bands molto interessanti dell’underground death italiano, ovvero i Baratro, gli Entity e gli Undead. Ma procediamo con ordine.
Aprono il cd i riminesi BARATRO: fin dalle prime note sono rimasto davvero sorpreso e coinvolto dal sound e dal groove di questa band, veramente potente. Forte di una buona produzione, il gruppo riesce a proporre cinque canzoni di puro impatto, un perfetto miscuglio tra il death di scuola svedese e il genere brutal che formano un sound che si distingue perfettamente da quelle canzoni appartenenti alla serie del “già sentito”. Grande lavoro di chitarre e di batteria, impreziosite dal carisma e dalla potenza del growlin’ di Alvin. Se proprio dovessi scegliere le migliori canzoni non esiterei ad indicare “Dirty Crosses In Jubileum” e “One Day”, molto dinamiche e ricche di riff perfettamente eseguiti e impreziosite da solismi essenziali ma molto efficaci nell’ampliare il sound a volte malinconico dei Baratro. Un ottimo gruppo da tenere in considerazione, a discapito della mia diffidenza che mi è affiorata quando ho letto il termine “Godfathers of the italian scene” nella bio fornitami insieme al cd..
A seguire troviamo gli ENTITY, meno coinvolgenti dei precedenti Baratro, ma non per questo meno potenti. A parte qualche lieve scopiazzatura (o tributo?) ai Death di Shuldiner udibile nel mezzo dell’opener “Merciless”, il gruppo propone un Death Metal mediamente veloce, con molti cambi di tempo. Irresistibile l’intro death-thrash di “I’m The Loser”, per me la migliore delle cinque proposte, dove si mette in risalto il lavoro del drummer Enrico, molto preciso nel lavoro di doppia cassa. Segnalo anche “Highway Of My Grief”, soprattutto per il suo geniale intermezzo melodico, molto bello, e per le ritmiche thrasheggianti molto incisive che rendono la canzone davvero trascinante.
A chiudere la compilation ci pensano gli UNDEAD penalizzati, purtroppo, da una produzione meno potente rispetto agli altri gruppi. Il combo propone un death metal molto incentrato sulla violenza degli scream e sull’ottimo drumming forsennato di Unearthly. Purtroppo tre canzoni non sono molto sufficienti per inquadrare perfettamente il gruppo che comunque ritengo molto valido. Nei loro brani è molto viva la presenza di influenze prese a piene mani dal thrash, come si puo’ notare nella track “E.N.D.”, la migliore delle tre song proposte, e nella conclusiva “Uncontrolledbleeding” dove si sentono le influenze ritmiche dei gloriosi Testament.

Secondo me è stata un’ottima idea quella di unire le proprie forze per proporre questo elegante digipack, che decisamente rende allettante l’acquisto dello stesso… ma a questo si aggiungerà la felicità di poter ascoltare dell’ottimo death metal made in Italy.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati