Rock N Roll Arena, Romagnano Sesia (Novara) – 25 Maggio 2013

Festival itinerante quello della Bakerteam che ci presenta dal vivo alcuni dei principali gruppi della propria scuderia. Festival per forza di cose eterogeneo perché, come affermano direttamente i boss della Beakerteam, l’etichetta si occupa di tutto il panorama hard and heavy.

Considerato il numero di gruppi presenti alla serata, l’evento inizia molto presto e riesco ad arrivare al locale giusto per l’esibizione dei WIND ROSE. Il combo toscano presenta alcuni brani tratti dal loro debut album “Shadows Over Lothadruin” offrendo una prestazione davvero buona. Lo stile dei nostri richiama da vicino le sonorità dei Symphony X che vengono a galla specie nell’ultimo brano proposto, Led By Light.

È poi il turno dei romani LAHMIA, quintetto dedito ad un metal estremo che prende spunto sia dalla scuola nord europea che da quella americana. I ragazzi romani, che presentano anch’essi i brani tratti dal loro debutto “Into The Abyss”, non premono mai troppo sull’acceleratore ma sfoderano un suono che bilancia giustamente impatto e melodia, riuscendo a scaldare il pubblico per ora presente alla Rock N Roll Arena.

Irriverenti e irrispettosi, salgono sul palco i MALNÁTT, band già conosciuta e attiva nell’underground tricolore. Il simpatico quartetto propone il suo black metal tagliente, cantato in italiano, condendo la propria esibizione con uno sferzante sarcasmo. Protagonista della scena il frontman Porz che aizza l’audience grazie ad una prestazione sentita e molto teatrale, spogliarello finale incluso! Applausi per il combo emiliano che riesce ad intrattenere, con sagacia e ironia, il pubblico presente alla serata.

I BEJELIT non hanno certo bisogno di presentazioni, anzi si potrebbe dire che sono di casa alla Rock N Roll Arena. Attivi ormai da anni sui palchi italiani e non, i nostri propongono cinque brani tutti estratti dal loro ultimo lavoro “Emerge” del 2012. Al solito davvero convincente la prestazione dei ragazzi novaresi che riescono a coinvolgere l’audience grazie anche al talentuoso frontman Fabio Privitera, abile intrattenitore in grado di far cantare tutto il pubblico presente.

I GORY BLISTER sono dei veterani della scena made in Italy. Attivi fin dai primi anni ’90, approdano ora su Bakerteam con il loro ultimo nato “EarthSick”. I ragazzi milanesi irrompono sulla scena con il loro death metal old school e dannatamente in your face. Annichilito il pubblico, sovrastato dal muro sonoro dei nostri che non lascia tregua. Ottima prestazione dei deathsters lombardi che fanno scatenare i ragazzi accorsi a vedere il loro show.

La serata si conclude con l’esibizione dei CADAVERIA: benché sia ormai tardi molti ragazzi aspettano con trepidazione il combo piemontese che attacca senza tanti preamboli col suo “Horror Metal”. La band è davvero compatta e sfoggia un suono potente e pulito. Protagonista la carismatica frontwoman Cadaveria che cattura da subito le attenzioni del pubblico, accompagnata dal suono da Grand Guignol creato dai musicisti. Ottimo show quindi per la band vercellese.

Esperimento positivo per la Bakerteam che ha proposto un buon festival accostando band giovani a nomi più conosciuti. L’affluenza del pubblico è stata discreta ma si poteva fare di più. Il mio consiglio, in questi casi, è sempre quello di supportare questo tipo di eventi: band interessanti che propongono (degnamente) musica propria e che potrebbero fare breccia tra i metalkids affamati di nomi nuovi. Non lamentatevi poi se i live-club vi propinano l’ennesima coverband!

Comments