Ogni tanto ci vuole un po’ di sano hard rock della vecchia scuola, quello ignorante, viscerale, ma terribilmente affascinante e non importa se l’originalità va a farsi fottere con titoli e testi banali che più banali non si può (“Road To R’N’R”) e bluesacci da osteria da 4 soldi (“Ghost Town Blues”), i Bad Bones sono qui per farci muovere il culo ed il loro secondo album ci riesce alla perfezione. Basta poco a questi tre fratelli modello Ramones per creare una canzone: riff da pochi accordi, una linea vocale nemmeno troppo pulita, assolo sporchi e batteria incalzante. Sembra una cosa facile detta così, ma credetemi, non lo è affatto e riuscire a centrare il bersaglio con così pochi elementi a disposizione, visto che sono parecchi gli esempi di gente che ci ha provato con pessimi risultati.
Sarà stata l’esperienza che il trio si è fatto negli Stati Uniti, dove ha suonato anche nel mitico Whiskey A Go Go, sarà quella accumulata negli Anthenora prima e nei White Skull poi da parte del bassista/cantante Steve Bone, ma i Bad Bones ci sanno fare e riescono a piazzare anche un paio di piccoli capolavori, corrispondenti a “With The Lights Off”, “Ghost Town Blues” e “Desperado”, canzone quest’ultima che vede anche la partecipazione di Roberto Tiranti dei Labyrinth ai cori.
Forse l’unico neo di “A Family Affair” è la voce di Meku Bone, sgraziata e talvolta anche un po’ stonata, ma ci si fa presto l’abitudine e, concluso l’ascolto dell’intero disco, non si potrebbe immaginare altro tipo di linea vocale per una musica del genere.
Insomma, se vi piace l’hard rock venato di attitudine punk con una spruzzata di Motorhead-sound, avete trovato la band giusta, e non serve andare lontano per scovarla visto che i Nostri provengono da Ceva in provincia di Cuneo, e non dall’America come si direbbe ascoltando “A Family Affair”. Aspettiamo di ripetere l’esperienza di un loro live perché all’Italian Gods Of Metal hanno veramente dato del filo da torcere a moltissime band, nonostante abbiano suonato alle 11:30 del mattino. Ce ne fossero di band così!

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati