Gli Azahel’s Fortress sono una one man band austriaca nata nel 2003 per volontà di Demonstorm Azahel e autrice di alcuni demo ed un full, datato 2005. Oggi, a distanza di ben 5 anni dal suo predecessore, Demonstorm Azahel torna alla carica con un nuovo opus dal titolo “The Chaos Kingdom”, pubblicato dalla Bloodred Horizon. Non avendo avuto modo di ascoltare i lavori precedenti di questo progetto non posso avere nessun termine di paragone con il passato. “The Chaos Kingdom” è un album devoto al black metal tanto in voga in questi ultimi anni, cioè da quando nel 1999 i Satyricon diedero una svolta al loro sound sfornando “Rebel Extravaganza”. Demonstorm Azahel evidentemente è rimasto molto colpito dal black contaminato dal R&R di Satyr e Frost, decidendo di seguirne le tracce in questo “The Chaos Kingdom”. In effetti l’artista austriaco si lancia in otto tracce di Black & Roll, che subito dalla prima song “Slave Of The Throne” dà l’impressione di dejavù a tratti davvero fastidioso, con un refrain che riporta direttamente la mente a “Volcano” , “Now Diabolical” e “The Age Of Nero”, con qualche variazione sul tema di tanto in tanto affidata alle sfuriate in blast e beat e a riff propriamente più black metal, che però riportano alla mente il già citato “Rebel Extravaganza”, con la differenza che quest’ultimo emanava ed emana tuttora un’atmosfera alienante, un disagio e una follia che questo platter non ha e non avrà mai. Se proprio volete un paio di band che hanno seguito la scia dei Satyricon ultima maniera e che hanno saputo dare alla propria musica un’aura malsana e schizoide, superiore anche ai maestri norvegesi, vi consiglio caldamente di provare o gli australiani Ruins di “Front the Final Foes” o i tedeschi Sonic Reing di “Raw Dark Pure”, mentre vi consiglio di lasciare dove si trova il buon Demonstorm Azahel e i suoi Azahel’s Fortress.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati