Il ritorno sulle scene degli Asia è, per me, sempre un evento. Il primo album che ascoltai, Astra, fu proprio per caso. Mi innamorai subito della lora musica, e questo amore resta invariato a tutt’oggi. Negli anni ci sono stati numerosissimi cambi di formazione nei quali hanno fatto parte musicisti del calibro di John Wetton, Steve Howe, Carl Palmer, Greg Lake, Al Pitrelli, Simon Phillips.
Nonostante tutti questi cambi il sound è rimasto pressochè invariato neglia anni. E come poteva essere differente, se i compositori sono i due leader Geoffrey Downs e John Payne.
Quindi questo nuovo lavoro non si discosta molto dagli altri anche se ha, verosimilmente, più affinità con gli ultimi album Arena e Aura.
Ci si ritrova sempre in un limbo fatto di passaggi prog rock e melodie AOR. C’è da dire che questo è il loro marchio di fabbrica di sempre ed è decisamente ottima la prova di Payne dietro il microfono.
Semplicemente fantastiche le sognanti “Darkness Day” e “The Prophet” in cui Downes e Govan si cimentano in passaggi dal forte sapore psichedelico. E questo mi fa soffermare sulle numerose citazioni che ci sono dei Pink Floyd di The Wall sparse un po’ per tutto l’album, come anche era avvenuto in Arena. Ma anche la bellissima “Blue Moon Monday”.
Dal forte sapore commerciale sono invece “What About Love” e “Long Way From Home”, delle quali mi sono ritrovato a canticchiare il ritornello dopo il primo ascolto.
In alcuni passaggi si ripesca a piene mani dagli esordi in “Midnight”.
Dovrei, però, segnalare tutti i brani perchè godono tutti di altissima qualità, sia dal punto di vista compositivo che esecutivo e grandi cori supportano la musica conferendo una ottimale resa alle dolcissime melodie.

Gli Asia quando incidono un nuovo album puntano quindi sempre sulla qualità. Mai brani brutti. O per il ritornello, o per le melodie AOR, o per i passaggi prog rock le canzoni composte dal duo Downes/Payne si fanno sempre apprezzare e amare. Da avere, se poi siete dei fan del gruppo, bè che dire? No, non vi dico che lo dovrestre avere già comprato.
Peccato che bisognerà aspettare la fine di Agosto, in Italia come al solito nonostante l’uscita arriverà abbondantemente dopo…

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati