Pubblicato nel 2004
www.verglas.com/arenaworld/

I doppi live, volenti o nolenti, sono sempre di moda soprattutto negli ultimi due anni paiono aver preso prepotentemente piede, gli Arena sono solo gli ultimi in ordine cronoligico ad avvalersi di questa particolare forma promozionale. Ovviamente in questo genere di “trend” e’ facile trovare lati positivi e negativi, fra quelli negativi c’e’ indubbiamente il valore alterno delle uscite stesse, fra quello positivo c’e’ il fatto che questi live (spesso doppi come in questo caso) spesso prendono il posto di inutili raccolte. Nel caso degli Arena pero’ siamo di fronte ad uno di quei rari casi in cui e’ doveroso sottolineare maggiormente i lati positivi.
Questo doppio live e’ stata per me una vera sorpresa, apprezzo molto il gruppo di Nolan (grandissimo tastierista, eccellenti le sue collaborazioni con Oliver Wakeman, figlio del grande Rick) ma mai mi sarei aspettato un prodotto di questo livello. Intendiamoci, nel campo del metal per qualche verso denominato “prog” (impropiamente, ma questo e’ un’altro discorso) sicuramente questo e’ uno dei gruppi che apprezzo maggiormente, autori di ottimi dischi nonche’ di questo nuovissimo live.
Il lavoro e’ strutturato come un vero e proprio concerto, nel senso che e’ preso da un’unica data (con tutti i benefici del caso) registrata durante il “Contagion Tour” che il gruppo ha sostenuto durante il 2003. Il contenuto dei due CD e’ ovviamente il meglio della produzione degli Arena, 22 brani di grande impatto e classe, l’apertura e’ affidata a “Witch hunt” una vera “botta”, un brano eccellente per dinamismo ed impatto, durante l’intero concerto e’ possibile ammirare una band affiatata e dalle qualita’ tecniche di prim’ordine. Clive Nolan e’ ovviamente uno dei punti di forza ma anche l’eccellete lavoro alle chitarre di John Mitchell e’ degno di nota, un chitarrista dal gusto e dall’impostazione veramente ottime, perfetta la sezione ritmica formata da Ian Salmon (basso) e Mick Pointer (batteria), potenti e precisi nonche’ molto molto vari, mensione d’onore per l’eccellente Rob Sowden, cantante forse un po’ snobbato dalla critica ma dall’espressivita’ notevole, emozionante, dall’ottima estensione vocale; insomma gli Arena sono un gran gruppo con all’attivo dischi di ottimo livello, questo doppio live e’ la giusta celebrazione di un gruppo maturo e completo in ogni fondamento.
I brani sono tutti di altissimo livello, interpretati dal gruppo come meglio e’ difficile fare, la dimensione live come sempre contribuisce ad aumentare il phatos e l’impatto delle canzoni che si giovano non poco di questa rilettura.

Questo degli Arena si candida tranquillamente come uno dei migliori live di questo anno, in virtu’ di una produzione ottima e di una prestazione del gruppo veramente notevole, dal canto mio non posso che essere contento di recensire un lavoro cosi’ ben fatto sotto tutti i punti di vista (eccellenti la grafica dei CD ed il booklet), consiglio questo live a tutti quanti apprezzano il lato “colto” del metal e quanti seguono (ed apprezzano) i lavori dove compare il nome di Clive Nolan.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati