Five Shots From Underground”: Cinque domande Cinque al Top Demo di Heavy-Metal.it !

Salve ragazzi, raccontateci la vostra storia e presentate il gruppo.
Ciao a tutti, gli Apeiron sono nati nel 2001 dalle ceneri di un’altra band, tuttavia ci conosciamo da così tanto tempo e abbiamo suonato inseme così spesso che era inevitabile formare una band in cui ci fosse intesa immediata e affiatamento come questa. Abbiamo anche avuto vari cambi di lineup e di frontman, ma alla fine il nucleo eravamo noi 4 e siamo rimasti noi 4! Io (Filippo) chitarra e voce, Alessio al basso e alla voce, Federico alla chitarra e Rodolfo alla batteria.

Su cosa basate principalmente i vostri pezzi e quali sono i vostri punti di riferimento ?
A livello di sonorità cerchiamo di farci influenzare il meno possibile dalle mode, la difficoltà principale nel nostro genere è la ricerca dell’originalità e per noi rimane un fattore importante, anche se a volte ci paragonano a questo o quel gruppo. Per quanto riguarda i testi, ci basiamo su emozioni personali, pensieri, riflessioni nate dall’attualità o da esperienze quotidiane… in pratica sfoghiamo tramite la musica quello che alla “gente comune” causa esaurimenti nervosi!!

Cosa non ti piace del metal in Italia e cosa cambieresti ?
Non mi piace la monotonia: purtroppo in Italia ci sono gruppi validi che a mio avviso si perdono nella monotonia compositiva, sento demo e album suonati e registrati in maniera eccellente che però sono ripetitivi e stereotipati, simili a molti altri prodotti sul mercato.
Cambierei anche l’atteggiamento di molte band, ne abbiamo conosciute tante in questi anni e troppo spesso alcune tendono a comportarsi da star. Noi siamo nella scena da anni, le band più tranquille e umili sono quelle che fanno più strada, stringono più contatti, suonano più spesso in giro e hanno più soddisfazioni. I nuovi divi di solito finiscono male in poco tempo…

Miglior gruppo italiano e più sopravvalutato gruppo italiano ?
Miglior gruppo? Domanda impegnativa… della “vecchia scuola” sono sempre stato un sostenitore dei Sadist! Il più sopravvalutato? Eh eh, me ne viene in mente uno in particolare, ma è meglio non crearsi nemici…

Cosa ti ha dato la musica e cosa vorresti darle tu ?
Mi ha dato emozioni! Suonare su un palco, incidere un disco, conoscere ragazzi che hanno la mia stessa passione, sono esperienze che lasciano sensazioni piacevoli. Io mi accontenterei di darle in cambio un piccolo contributo, qualche canzone che qualcuno possa ascoltare e d apprezzare, e magari pensare “bravi, questi Apeiron!”

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati