Pubblicato nel 2004
ancient-wisdom.cjb.net

E’ curioso come gli Ancient Wisdom siano riusciti a propinarci un Black Metal melodico, fondamentalmente molto poco originale, senza però annoiare o risultare pacchiani nel loro ostinarsi a inserire elementi (come i giri di tastiera) che gli stessi Dimmu Borgir non osano comporre da anni.

La peculiarità della proposta è dovuta al fatto che di Black Metal in questo dischetto, alla fine dei conti, c’è n’è veramente poco; innanzitutto le tracce si attestano su tempi lenti e se non bastasse Norman sceglie per le sue creazioni proprio i lati più “raffinati” sia del Black Metal melodico (che di per sé non brilla certo di grezzume) sia del Doom, dando spazio nel corso delle 8 canzoni ad entrambe le matrici. La traccia meglio riuscita è comunque la title-track “Cometh Doom, Cometh Death” dove a lungo il gruppo lascia da parte le influenze Black, arrivando a creare bellissimi momenti depressivi paragonabili ai migliori Shape Of Despair (gruppo Funeral Doom finlandese per chi non li conoscesse).

Per tutto l’album si avverte una maggiore raffinatezza nelle soluzioni e nelle melodie rispetto ai lavori precedenti (l’ultimo risale a 4 anni fa), parte dell’originaria vena malinconica è andata persa a favore di melodie sì più sinfoniche, ma anche meno intense ed incisive.
Se riuscite ad immaginare i Dimmu Borgir di qualche anno fa che suonano al rallentatore e a metteterci qua e là qualche triste passaggio Doom, avrete un idea abbastanza precisa di quello che troverete in questo cd. Fondamentalmente niente di originale, ma molti elementi disparati trovano giusta collocazione in questo platter.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati