Crisi d’identità, evoluzione o semplice fase di transizione? Difficile dirlo giudicando questo ‘The Price Of Existence’, secondo album degli statunitensi All Shall Perish, che tanto avevano fatto parlare bene di sè in occasione del possente esordio di appena un anno fa.

Ciò di fronte a cui ci pongono i cinque ragazzi al servizio della Nuclear Blast, è un album forse troppo precipitoso, poco figlio degli erroridel già citato ‘Hate.Malice.Revenge’ e testimone di un evidente incapacità della band di guardare indietro correggendo i propri errori. Questioni di immaturità o meno, questo lavoro costituisce un sensibile passo indietro rispetto al debutto. Inutile, infatti, tentare di deviare il tiro della proposta provando a variegarla e facendo lievitare, di conseguenza, la probabilità di perdere il controllo. E’ così che nonostante un avvicendamento dietro al microfono, portatore di un’artiglieria di soluzioni più assortita, la formazione si concentra su una varietà che dissocia quando vorrebbe spiazzare, lascia a bocca asciutta quando dovrebbe saziare. I brani diventano nettamente più dinamici, facendo scalare la componente swedish, sempre e comunque presente, a favore di forti dosi di HC stile Agnostic Front che, per quanto genuine, forti e decise, risultano non sempre ben amalgamate con la proposta. Mettere insieme una miscela di hardcore, death a quintali, melodie swedish e mille altri elementi che riportano alla mente dagli Hatebreed ai The Red Chord, è impresa ardua e difficile da realizzare in così poco tempo e con gocce d’esperienza. Il resto? Una produzione di qualità ma poco calzante per la proposta e per il riffing, qualità tecnica da vendere, un drumming chirurgico ed invidiabile e quant’altro di positivo s’era visto in un debutto, per quanto difettoso, con maggiore presa e capacità di convincere. Quadratura del cerchio e pazienza. Finchè mancheranno, gli All Shall Perish continueranno a risultare una band con potenzialità inespressa, non ancora completa, autrice di album godibili ma solo sufficienti. La solita storia.

Comments

A proposito dell'autore

Post correlati